Sorelle Fox
/

Le sorelle Fox: i segreti delle medium più famose della storia

93 minuti di lettura

Lo spiritualismo delle sorelle Fox incalza

William Stainton Moses - Sorelle Fox - Archaeus, studio e ricerca sul paranormale
William Stainton Moses

Gli affari di Kate, invece, esplosero durante e dopo la guerra civile, poiché un numero crescente di persone in lutto trovò conforto nello spiritualismo. Aveva sposato il devoto spiritualista Henry D. Jencken (1828-1881). Alla fine della festa la coppia tornò nella bella casa di Henry per iniziare la vita coniugale e mettere su famiglia. Rimase incinta quasi subito. Il primo, Ferdinand, nato nel 1873, fu acclamato come medium già all’età di tre anni.

Secondo quanto riferito, gli spiriti si impossessarono del suo corpo e fecero fluire una luce soprannaturale dai suoi occhi. All’età di cinque anni, iniziò a praticare la scrittura automatica , scrivendo persino in greco e una delle frasi più significative fu “Chi si fida di me vivrà”.

Nella primavera del 1873 Kate ed Henry parteciparono a quattro sedute con il medium William Stainton Moses (1839-1892), che aveva studiato per un periodo a Oxford ed era stato ordinato ministro nel 1863. Moses, che teneva appunti, fornì forse l’unica descrizione della voce di Kate, commentando che parlava rapidamente, piuttosto bruscamente e con un leggero accento yankee.

Le investigazioni sul caso delle sorelle Fox

Le sorelle Fox si sottoposero a molti controlli e accertamenti, dall’essere bloccate ai piedi durante le sedute, alla perquisizione di attrezzature adatte all’inganno. Alcuni esaminatori erano sorpresi e tendevano a credere al potere medianico delle sorelle Fox, come ad esempio lo spiritualista Eliab Wilkinson Capron (1820-1892). Il primo ad accendere una vera miccia che minasse il presunto dono delle Fox e l’intero movimento spiritualista, fu il giornalista Charles Chauncey Burr (1817-1883), intimo amico di Edgar Allan Poe.

Una raffigurazione delle sorelle Fox con Austin Flint e i colleghi dell'Università di Buffalo nel 1851 - Sorelle Fox - Archaeus, studio e ricerca sul paranormale
Una raffigurazione delle sorelle Fox con Austin Flint e i colleghi dell’Università di Buffalo nel 1851

Burr sosteneva che le sorelle Fox stessero creando i suoni facendo schioccare le dita dei piedi. Lui e suo fratello affermarono di aver dimostrato che i suoni risultanti potevano essere uditi in una sala piena di un pubblico di mille persone. Fu così che nel 1851, tre professori di medicina dell’Università di Buffalo, Austin Flint (1812-1886), Charles A. Lee (1801-1872) e CB Coventry (1801-1875), esaminarono le tre sorelle in una serie di indagini e riferirono che non si sentiva alcun suono quando le loro ginocchia venivano tenute o se venivano messi dei cuscini sotto i loro piedi, portandoli a concludere che le donne causavano i rumori con mezzi fisici.

Leah rispose con aggressività attraverso una serie di articoli sulla stampa, accusando i medici di deliberato offuscamento, ma riconoscendo errori occasionali… Errori non delle sorelle Fox, bensì degli spiriti, ammettendo che «quando i nostri piedi erano posti su cuscini imbottiti di trucioli e appoggiati sui nostri talloni, non si sentivano suoni», ma insistette sul fatto che gli spiriti avevano avuto il diritto di ritirarsi, offesi com’erano, dal comportamento duro dei loro persecutori medici.

Credere negli spiriti è un atto di fede?

Ora, se gli spiriti si sono manifestati a decine di persone a dimostrazione della loro esistenza, perché mai avrebbero dovuto sottrarsi proprio laddove avrebbero potuto dimostrare che fosse tutto vero? E torniamo al famoso atto di fede religioso: devi crederci se vuoi vedere, una propaganda che lascia il tempo che trova.

I medici, per spiegare il modo in cui i suoni variavano e sembravano rimbalzare nella stanza, si sono appellati alle leggi dell’acustica. Il dottor Lee disse che: «coloro che hanno un buon orecchio musicale, generalmente possono localizzare [i colpi] direttamente nelle vicinanze [della signorina Fox]. Ma se l’attenzione viene attratta da un’altra parte della stanza, allora, come nel caso del ventriloquo, i suoni sembrano provenire da un punto in cui è attirata l’attenzione

Nonostante qualche tempo prima, nel giugno 1857, Leah e Kate accettarono la sfida del Boston Courier di pagare cinquecento dollari a chiunque potesse dimostrare la comunicazione spirituale, furono liquidate con “si trattava di piccoli rumori facilmente riproducibili con il proprio corpo”. Altri medium che si presentarono, non ottennero nessun riscontro degno di nota.

La scoperta della frode delle sorelle Fox

Durante una seduta del 1874 di Kate Fox con la ricercatrice psichica Eleanor Mildred Sidgwick (1845- 1936), quest’ultima rimase sorpresa nel vedere un foglio di carta sotto al tavolo, che prima era bianco e sopra il tavolo, con una scritta al centro; il marito, Henry Sidgwick (1838-1900), che stava indagando sul caso, ha rassicurato Eleanor che seppur Kate sia rimasta immobile ben visibile e in luce, avrebbe potuto usare il piede per scrivere, un comune trucco di molti medium ciarlatani.

Eleanor Mildred e Henry Sidgwick - Sorelle Fox - Archaeus, studio e ricerca sul paranormale
Eleanor Mildred e Henry Sidgwick

Nel 1884, Maggie Fox era fra i medium indagati dalla Seybert Commission, un gruppo formato per indagare sulle affermazioni degli spiritisti e finanziato da Henry Seybert (1801-1883), un ricco filantropo americano che voleva smascherare le frodi nello spiritualismo. Quello che si evinse dai test è che le trascrizioni mostravano che i colpi non erano affatto regolari, così come le risposte alle domande, durante due sedute.

Dopotutto, se andassimo a leggere le varie testimonianze raccolte da Lewis nel 1848, le risposte non sempre arrivavano puntuali, anzi, spesso c’erano dei lunghi silenzi. La commissione di Seybert aggiunse che mentre non ci fosse movimento nel piede di Maggie quando si verificavano i colpi, vi era però una “pulsazione insolita”, che portava a pensare che la ragazza stesse in qualche modo causando i suoni, deliberatamente o inconsapevolmente. Per ammissione delle sorelle Fox, capirete presto come facevano a produrre alcuni suoni.

Uno spiraglio e lo Spiritualismo diviene inarrestabile

A intermittenza dal 1872 in poi, Kate Fox aveva anche tenuto sedute spiritiche con lo scienziato britannico William Crookes (1832-1919), che fu presidente della Society for Psychical Research (SPR) dal 1896 al 1897. In quel periodo, Crookes, si stava occupando anche di altri medium, come Florence Cook (1856-1904) con cui ebbe una relazione, e con Daniel Dunglas Home (1833-1886). Purtroppo, nonostante l’importanza di Crookes riconosciuta in ambito scientifico, era così disposto a sostenere la sua amata Cook, da eseguire test poco accurati. Per accreditare la Cook doveva necessariamente accreditare altri medium; diversamente, la medianità sarebbe stata una cialtroneria.

Quando Jencken morì di ictus nel 1881, Kate tornò con i suoi figli in America, rimanendo prima con Leah, poi con suo fratello David.

Nascono altri medium

Nel corso delle sessioni con un ricco banchiere, Charles Livermore (1824-1889), Kate convocò sia la defunta moglie dell’uomo che il fantasma del padre fondatore degli Stati Uniti d’America Benjamin Franklin (1706-1790), annunciando la sua identità scrivendo il suo nome su un biglietto. La famosa spiritualista inglese Emma Hardinge Britten, scrisse che la guerra aveva aggiunto due milioni di nuovi credenti al movimento spiritualista, e che nel 1880, c’erano circa otto milioni di spiritualisti negli Stati Uniti e in Europa. Questi nuovi praticanti erano sedotti dall’esuberanza dell’Età dell’Oro e dai miracoli tanto attesi, come l’evocazione di apparizioni ad ogni seduta spiritica di Kate.

Benjamin Franklin - Sorelle Fox - Archaeus, studio e ricerca sul paranormale
Benjamin Franklin

All’improvviso altri iniziarono a scoprire i propri poteri medianici e le sedute spiritiche divennero sempre più frequenti facendo salire la rabbia popolare. C’erano medium che facevano molto di più di quanto le sorelle Fox facessero. Alcuni levitavano, manifestavano apporti e producevano una sostanza chiamata ectoplasma. Man mano che le frodi delle sedute spiritiche venivano smascherate, negli Stati Uniti, iniziò a diminuire l’interesse per lo spiritualismo. Leah e Kate venivano regolarmente smascherate da persone che avanzavano varie possibili spiegazioni, ma nessun inganno venne trovato nonostante i numerosi test.

Queste pressioni e i numerosi tour finirono per stancare Kate che, come la sorella Maggie, iniziò a bere. La sorella maggiore Leah approfittò di quel momento per rientrare in gioco. Aveva sposatoun ricco uomo d’affari decise di portare avanti da sola le sedute spiritiche a suon di colpi. Non solo, riuscì a convincere la Society for the Prevention of Cruelty to Children (la prima agenzia di protezione dei bambini al mondo fondata nel 1875) a portarle via i figli di Kate a causa del suo alcolismo. Questo fu devastante per Kate.

L’ammissione di frode di una delle sorelle Fox

Il 21 ottobre 1888, l’allora quotidiano statunitense New York World, pubblicò un’intervista con Maggie Fox in previsione della sua apparizione quella sera alla New York Academy of Music, dove avrebbe pubblicamente denunciato lo spiritualismo come una frode e un male caratterizzato dalla licenziosità sessuale. Per questa intervista esclusiva fu pagata  $1500. A spingerla verso questa dichiarazione, non era il compenso, ma la rabbia contro sua sorella Leah e altri importanti spiritualisti, che avevano pubblicamente rimproverato Kate per il suo bere e l’avevano accusata di non essere più in grado di prendersi cura dei suoi due bambini piccoli. Kate volle essere tra il pubblico durante l’intervista di Maggie, prestando il suo tacito sostegno.

Una raffigurazione della notte del 31 marzo 1848 in casa Fox - Sorelle Fox - Archaeus, studio e ricerca sul paranormale
Una raffigurazione della notte del 31 marzo 1848 in casa Fox

Durante l’intervista, Maggie confessò che lei e Kate erano le artefici dei colpi a Hydesville e che si trattava di uno scherzo innocente alla madre. Raccontò che la sera, quando andavano a letto, legavano una mela a uno spago e lo muovevano su e giù, facendo urtare la mela sul pavimento, oppure, lasciavano cadere la mela sul pavimento, facendo uno strano rumore.

Oltre al trucci della mela c’era la manipolazione delle nocche, delle articolazioni e delle dita dei piedi per produrre i colpi (raps). Maggie affermò che molte persone quando sentono i colpi immaginano subito che gli spiriti stiano comunicando, proprio come credeva loro madre.

error: Content is protected !!