Apporti

La magia degli Apporti: Come possono gli oggetti apparire dal nulla?

19 minuti di lettura

Cosa sono gli Apporti?

Gli apporti sono oggetti, come una moneta o un gioiello, che improvvisamente appaiono, o si materializzano, alla presenza di un medium o di un adepto spirituale, come se si fossero formati dal nulla o fossero passato attraverso la materia solida. Questo trasporto paranormale è anche noto come teletrasporto. La parola apporto deriva dal francese apporter, che significa “portare”. Il termine apporto pare essere stato coniato dal Nandor Fodor (1895-1964), un parapsicologo  che si è occupato a lungo del fenomeno dei poltergeist, del quale era una delle massime autorità.

Un tempo Fodor era socio di Sigmund Freud (1856-1939) e si occupò dello sviluppo prenatale e dell’interpretazione dei sogni, ma è accreditato principalmente per la sua opera Encyclopedia of Psychic Science, pubblicata per la prima volta nel 1934. Nell’opera ha fatto riferimento a 900 diversi fenomeni paranormali tra cui quello degli apporti. Dal 1935 al 1939, Fodor è stato il corrispondente da Londra per l’American Society for Psychical Research (ASPR), ha lavorato come redattore per la Psychoanalytic Review ed è stato membro della New York Academy of Sciences.

Tipologie di apporti

Nandor Fodor
Nandor Fodor

Gli apporti una volta erano un fenomeno comune delle sedute spiritiche, con medium che producevano fiori, profumi e strani oggetti, che si diceva fossero doni degli spiriti presenti. Altri apporti hanno incluso vasi, libri, piatti di caramelle, che si sono spostati sul tavolo durante una seduta spiritica accanto ad ogni persona seduta e, oltre a oggetti, la storia degli apporti testimonia anche animali vivi o morti.

Si è scoperto che alcuni medium nascondevano apporti in qualche tasca nascosta dei propri indumenti prima di una seduta spiritica e poi li “producevano” nell’oscurità; altri hanno prodotto apporti senza un’apparente spiegazione. Gli apporti si verificano anche nei casi di fenomeni poltergeist, come un attacco a oggetti o persone da parte di una forza invisibile che i credenti negli spiriti dicono sia un fantasma arrabbiato o burlone.

Ad esempio, un poltergeist era noto per distribuire monete attraverso il soffitto di una casa in modo che cadessero sulle teste di ignari visitatori. Negli anni Novanta, il gruppo dell’Esperimento di Scole, in Inghilterra, è diventato famoso per i suoi apporti controversi.

Le medium più note per la materializzazione di apporti

Le medium del XIX secolo, la britannica Agnes Guppy-Volckman (1838-1917) e l’italiana Eusapia Palladino (1854-1918), erano particolarmente abili negli apporti, producendo fiori e frutti, persino sabbia e ghiaccio. La medium Palladino produceva anche apporti sgradevoli, come topi morti. Invece Guppy-Volckman, oltre ad aver “materializzato” su richiesta un girasole alto 1,8 m con le radici sradicate, fu lei stessa un apporto vivente in una seduta spiritica condotta dai medium Frank Herne e Charles Williams, due dei suoi protetti.

Nel giugno 1871, durante una seduta spiritica a casa dei medium al 61 di Lamb’s Conduit Street, High Holborn, Londra, uno dei partecipanti, un certo signor WH Harrison, chiese scherzosamente allo spirito di John King di controllare lo spirito della figlia Katie King poteva aiutare a far apparire la medium Guppy come apporto.

Questa battuta è dovuta ad una storia che lega lo spirito di John King che manifestava la medium Cecil Husk (1847-1920) a quello di Katie King, altra entità spiritica manifestata dalla medium Florence Cook (1856-1904). La medium Guppy collaborava spesso con altre due medium: Mary Elizabeth Tebb (1838-1885) e Georgiana Houghton (1814-1884).

Nel libro fotografico di quest’ultima, intitolato Chronicles of the Photographs of Spiritual Beings and Phenomena Invisible to the Material Eye, in cui fornisce una serie di prove fotografiche a conferma della veridicità sull’ipotesi dello spirito, vale a dire l’idea che i fenomeni prodotti dai medium durante le sedute spiritiche siano causati da spiriti disincarnati, è stampata una fotografia che ritrae le tre medium e, in bilico intorno a loro, una presunta entità spirituale sconosciuta.

Guppy-Volckman era una donna estremamente corpulenta e i partecipanti pensavano che un tale teletrasporto avrebbe sicuramente messo alla prova i poteri degli spiriti. Secondo tutti i rapporti, nel giro di tre minuti Guppy-Volckman, vestita solo della sua vestaglia, era seduta “stordita” al centro del tavolo, con in mano la penna e il libro dei conti. La medium affermò che proprio mentre stava scrivendo la parola “cipolle” nel suo libro mastro domestico, si è trovata trasportata da casa sua a Highbury a circa due miglia di distanza, volata in aria a circa 120 miglia all’ora.

Arthur Conan Doyle e lo studio sugli apporti

Sir Arthur Conan Doyle
Sir Arthur Conan Doyle

Il medium americano Arthur Ford (1896-1971) ha riferito dell’apparizione di apporti a una seduta spiritica in Inghilterra a casa della medium Catherine Barkel, che includeva fra i partecipanti Sir Arthur Conan Doyle  (1859-1930) e lo stesso Ford. Dopo che la Barkel andò in trance, la sua “guida spirituale” prese il sopravvento e annunciò che la “piccola gente” aveva portato ai presenti alcuni oggetti di valore che erano stati persi su navi naufragate in mare o in altri modi. Immediatamente, pietre preziose, una per ciascuno dei partecipanti alla seduta, apparvero nella mano di Barkel che teneva poggiata sul grembo.

Doyle li portò successivamente da un gioielliere che li valutò stimando un valore di diverse centinaia di sterline. La pietra di Ford era un granato; altri erano diamanti, ametiste, smeraldi e rubini. I modelli li avevano incastonati in gioielli. Conan Doyle credeva molto negli apporti e nelle facoltà medianiche, tanto da occuparsene a fondo, ma senza porsi troppe domande sulle frodi scoperte.

«Non c’è fase più curiosa e drammatica del fenomeno psichico dell’apporto. È così sorprendente che è difficile persuadere lo scettico della sua possibilità, e persino lo spiritista difficilmente può dargli credito fino a quando gli esempi non gli vengono effettivamente incontro. La prima introduzione dell’autore alla conoscenza occulta si deve in gran parte al defunto del generale Drayson, che a quel tempo – quasi quarant’anni fa – riceveva attraverso un medium amatoriale una successione costante di apporti della descrizione più curiosa: lampade indiane, amuleti, frutta fresca, e altre cose.

Un fenomeno così straordinario e così facilmente simulabile, era troppo per un principiante e ritardava piuttosto che aiutare il progresso. Da allora, però, l’autore ha incontrato il direttore di un noto giornale che ha utilizzato lo stesso medium dopo la morte del generale Drayson, e ha continuato, in condizioni rigide, a ottenere apporti simili. L’autore è stato costretto, quindi, a riconsiderare il suo punto di vista e a credere di aver sottovalutato sia l’onestà della medium che l’intelligenza del suo modello.»

da “La storia dello spiritualismo vol. II”, di Arthur Conan Doyle1

Il medium Charles Bailey e la materializzaizone di insoliti apporti

Charles Bailey e il suo interesse per gli apporti
Charles Bailey

Forse gli apporti più insoliti sono stati prodotti da Charles Bailey (1870-1947), un medium australiano che ha suscitato molto interesse da parte dei ricercatori psichici di quel periodo. Bailey ha goduto di una carriera di cinquant’anni nella medianità fino alla sua morte. Ha scoperto i suoi poteri come medium all’età di diciotto anni. Ha quindi prodotto il suo primo apporto, una pietra grondante di acqua di mare, che si dice sia stata trasportata dall’oceano da uno spirito.

Tra i tanti apporti prodotti da Bailey c’erano: uccelli vivi nei nidi con le uova, pesci ancora vivi, granchi e tartarughe, un piccolo squalo, piantine in vasi di terra, un giornale arabo, monete rare e oggetti d’antiquariato (i cui valori in seguito sarebbero stati grossolanamente esagerati), un teschio umano, una pelle di leopardo, un enorme pezzo di arazzo, pietre preziose, etc.

Il modus operandi di Bailey era di rinchiudersi in una grande sacca di tela a doppia cucitura con solo la testa e le braccia fuori e con i sigilli posti al collo e ai polsi. Gli sforzi per testare Bailey sono stati vanificati perché egli ha insistito di lavorare al buio. È stato perquisito prima di entrare nella sacca, ma non è mai stato spogliato e gli indumenti indossati non sono stati controllati a dovere. Gli scettici credevano che nascondesse gli apporti in tasche cucite all’interno, o nei tacchi cavi dei suoi stivali piuttosto alti (era un uomo basso), e poi li spingesse fuori attraverso un buco non rilevato nel sacco. Infatti una volta è stato sorpreso a togliersi gli stivali.

Non solo, una volta ha “materializzato” due uccelli esotici vivi; questi furono portati da un commerciante locale di uccelli allo scopo di identificare la specie e il commerciante ha riconosciuto gli uccelli come proprio quei due che aveva recentemente venduto a un uomo, identificando in seguito Bailey come acquirente.

Le diverse spiegazioni degli apporti

Diverse spiegazioni sono state avanzate per gli apporti: che sono portati da altre dimensioni dagli spiriti; che sono attratti da altre dimensioni dalla forza di volontà e dall’attrazione magnetica del medium; o che sono oggetti già esistenti sul piano terrestre che vengono forzatamente disintegrati dal medium, trasportati e reintegrati in un altro luogo.

Secondo il medium degli apporti John W. Bunker, affinché gli apporti appaiano, il medium deve mettere tutta la sua energia spirituale, o energia magnetica, a disposizione degli spiriti. La tecnica di Bunker richiedeva respirazione profonda e rilassamento. Per prima cosa, ha inspirato al ritmo del battito del cuore per sette secondi e ha diretto mentalmente l’energia magnetica nell’aria alla base della spina dorsale, dove l’ha trattenuta per tre battiti del cuore.

Sri Sathya Sai Baba (Pubblico dominio)
Sri Sathya Sai Baba

Successivamente attirava questa energia lungo la spina dorsale fino alla radice del collo ed espirava attraverso la bocca per sette battiti cardiaci. Si fermava per tre battiti e ripeteva il processo dall’inizio. Secondo Bunker, questa energia spirituale sembrava una macchia di calore delle dimensioni di mezzo dollaro. Ha consigliato ai medium di non tentare mai di eseguire questa procedura senza prima avere il pieno controllo della propria mente, emozioni e passioni.

Alcuni adepti mistici, come i sufi dell’Islam e gli swami indù, uomini santi e avatar (incarnazioni di Dio), affermano di produrre beni come cibo, gioielli preziosi, oggetti religiosi e vibhūti (cenere sacra). Come i medium, alcuni adepti sono stati smascherati nei loro giochi di prestigio, ma altri, come Sathya Sai Baba (1926-2011) dell’India, non sono mai stati esposti a frode.

Gli apporti secondo gli scettici

Gli scettici credono che, indipendentemente dal fatto che gli apporti siano grandi o piccoli, sono sempre il risultato di un trucco eseguito dal medium per convincere i partecipanti alla seduta spiritica che il mondo degli spiriti è reale. In effetti, i maghi da palcoscenico spesso fanno apparire e scomparire improvvisamente gli oggetti, ma i credenti nello spiritualismo affermano che le azioni dei maghi sono molto diverse da quelle che si traducono in apporti dal mondo degli spiriti.

Di tanto in tanto, gli spiritisti hanno sfidato gli scettici a dimostrare che gli apporti sono il risultato di un inganno, ma anche quando uno scettico sembra avere successo, i credenti affermano che è stato lo scettico, non il medium, a essere colpevole dell’inganno. Molti medium sono stati denunciati come fraudolenti quando testati in circostanze controllate, spesso nascondendo gli articoli o incapaci di produrli con i controlli in atto. 

L’ectoplasma e gli apporti fraudolenti

Sedute spiritiche berlinesi
agli inizi del XIX secolo
Foto rappresentativa delle sedute spiritiche berlinesi
agli inizi del XIX secolo

Fra le più note frodi storiche sugli apporti, oltre a quelle definite ectoplasma (a cui ho dedicato un articolo) e a quella degli uccelli “materializzati” dal medium Charles Bailey, ci sono quelle dei medium tedeschi Frau Anna Rothe (1850-1907) e Heinrich Melzer (1873-n.p.). Nel marzo 1902 a Berlino, gli agenti di polizia interruppero una seduta spiritica della Rothe e le trovarono in casa ben 157 fiori, arance e limoni, alcuni dei quali teneva nascosti nella sua sottoveste.

Dopo un processo durato sei giorni fu condannata a diciotto mesi di reclusione. Per quanto riguarda Melzer, per trent’anni tenne sedute spiritiche affermando di avere capacità di materializzare pietre e fiori. Nel 1926 fu smascherato perché sorpreso nella stanza della seduta spiritica con piccole pietre attaccate dietro le orecchie con del nastro color carne.

Ci sono stati molti casi in cui gli apporti sono stati introdotti clandestinamente nella stanza delle sedute spiritiche, come nel caso del falegname ungherese che si dilettava nella medianità, Lajos Pap (1883-1941) e l’austriaca medium Frau Maria Silbert (1866–1936); quest’ultima rivendicava poteri di materializzazione di apporti e psicocinesi , nonché la capacità di produrre colpi (raps) dagli spiriti.

Il trucco dei raps fu presto smascherato: proveniva da portasigarette incollati sotto il tavolo durante le sue sedute spiritiche. Nonostante lasciasse la stanza della seduta ben illuminata, non permetteva agli investigatori di guardare sotto il tavolo dove si diceva che si verificassero la maggior parte dei suoi fenomeni.

Per approfondire l’argomento sugli apporti e sugli asporti, suggerisco l’articolo dedicato ai JOTT, il Fenomeno degli oggetti scomparsi.

«Alcune medium arrivarono al punto di nascondere nella loro vagina o nell’ano, oggetti da “portare” durante la seduta spiritica e del tessuto vaporoso che sarebbe diventato per i presenti “ectoplasma”.

Nell’epoca vittoriana, le sedute spiritiche avvenivano alla presenza di gentiluomini, non importa quanto scettici, perché speravano di poter vedere o palpeggiare l’apparizione (in carne) dell’entità, ovvero la stessa medium o una collaboratrice che, nuda con indosso una trasparente e candida veste, si sedeva sulle ginocchia dei presenti uomini o li accarezzava alle loro spalle, quindi era altamente improbabile che questi testimoni chiedessero una perquisizione preventiva.»

Terence Hines, neurologo e psicologo americano

1Arthur Conan Doyle, The History of Spiritualism Vol II, pag. 81

error: Content is protected !!