Coniugi Warren
//

I coniugi Warren: alla ricerca del Paranormale e dell’Amore eterno

70 minuti di lettura

Raccontare dei coniugi Warren non è affatto facile, perché si rischia di non essere obiettivi, lasciandosi travolgere dai sentimenti. Se credi in loro finirai con accettare tutto ciò che hanno detto e mostrato per vero e se pensi che siano stati dei ciarlatani finirai con non credere a niente delle loro avventure nel mondo del paranormale. Ma questo sito web, Archaeus, sta nel mezzo, sta al di sopra delle parti e cerca di raccontare la storia nella maniera più schietta possibile, quindi siete avvisati che leggerete sia cose buone sia cose meno buone su questa coppia di investigatori dell’occulto.

L’adolescenza di Ed e Lorraine Warren

Edward Warren Miney (detto Ed, 1926-2006) e sua moglie Lorraine Rita Moran (1927-2019) sono stati una coppia di investigatori del paranormale autodefiniti demonologi. Hanno dedicato gran parte della loro vita a esplorare e comprendere fenomeni inspiegabili legati a spiriti, infestazioni e presunte manifestazioni demoniache. I coniugi Warren sono stati coinvolti, o meglio, hanno voluto esssere coinvolti, in innumerevoli casi di attività paranormali, spesso agendo come consulenti in alcuni degli eventi più noti e misteriosi degli Stati Uniti.

Nonostante siano entrambi nati a Bridgeport, nel Connecticut, Ed e Lorraine Warren non si sono incontrati fino all’adolescenza. Il padre di Ed era un agente di polizia statale e un devoto cattolico che iscrisse il figlio alla scuola parrocchiale. La famiglia Warren viveva in una vecchia e grande casa affittata da una padrona di casa non sposata che non approvava cani e bambini, e lanciava loro sempre oggetti con irritazione. Ed aveva cinque anni quando la padrona di casa morì, e vide la sua prima apparizione quando lei si materializzò nell’armadio della sua camera da letto qualche giorno dopo, acida come lo era stata in vita. Se avete visto il film L’Evocazione (The Conjuring) del 2013 diretto da James Wan, ricordetere la scena dell’armadio.

In alcuni dei suoi libri, Ed Warren ricorda che suo padre gli diceva sempre che doveva esserci una spiegazione logica per il comportamento paranormale sperimentato da suo figlio, ma il fratello di Ed non ne fornì mai una. Il giovane Ed preferiva restare fuori con tempo gelido o piovoso piuttosto che restare in casa da solo. Uno dei visitatori soprannaturali di Ed era una suora, la sorella di suo padre. Ed aveva espresso il desiderio di diventare prete, ma la suora gli disse che non l’avrebbe fatto; piuttosto, avrebbe consultato i preti e avrebbe fatto meglio di centro preti.

Quando Ed aveva dodici anni, la sua famiglia lasciò la casa infestata. Nonostante avesse fatto pace con gli spiriti che vi dimoravano, la sua esposizione al paranormale non fece altro che alimentare il suo desiderio di ulteriori indagini e confronti. A tre isolati di distanza, Lorraine viveva con la sua famiglia irlandese abbastanza benestante. Frequentò la Laurelton Hall, una scuola femminile cattolica nella vicina Milford, e fu proprio mentre era a scuola che la giovane Lorraine, anche lei all’età di dodici anni, scoprì di avere il dono della chiaroveggenza, un dono che non tutti in famiglia condividevano.

Lo strano fenomeno all’Arbor Day

L’Arbor Day (Il Giorno dell’Albero) è una festività che invita singoli individui o gruppi a impegnarsi nella piantumazione di nuovi alberi e nella cura di quelli già esistenti. La prima edizione dell’Arbor Day risale al 10 aprile 1872, nel Nebraska, Stati Uniti, durante la quale si stima che siano stati piantati circa un milione di alberi. Questa celebrazione si diffonde in molti paesi del mondo, sebbene le date varino a seconda del periodo di semina locale. Il Giorno dell’Albero viene festeggiato in Italia il 21 novembre.

Durante l’Arbor Day di quell’anno, il 28 aprile 1939, le suore organizzarono una piantagione di alberi. Non appena l’alberello fu piantato nel terreno, Lorraine iniziò a fissare il cielo, vedendo l’albero nel suo pieno splendore. Una volta Lorraine Warren disse a una suora che la sua aura era più luminosa di quella della madre superiora, e la cosa non piacque molto alle sorelle. Le suore considerarono peccaminose le sue capacità psichiche e la mandarono ad un ritiro di fine settimana di preghiera e silenzio.

L’incontro tra Ed e Lorraine

I coniugi Warren con la figlia Judy
I coniugi Warren con la figlia Judy

Ed incontrò Lorraine per la prima volta il 23 giugno 1943, mentre lavorava come usciere al Colonial Theatre di Bridgeport. Capì subito che avrebbero trascorso il resto della loro vita insieme. Era l’unico ragazzo con cui fosse mai uscita. Nel giorno del suo diciassettesimo compleanno, il 7 settembre 1943, Ed si arruolò nella Marina degli Stati Uniti e prestò servizio nella guardia della marina armata a bordo di una nave della marina mercantile.

Lui e Lorraine si sposarono il 22 maggio 1945, in congedo per i sopravvissuti a Bridgeport. Avevano entrambi diciotto anni. Erano entrambi molto credenti nella Chiesa cattolica. L’11 gennaio 1946, Lorraine diede alla luce la loro figlia di nome Judy. Dopo la guerra, Ed frequentò la Perry Art School, affiliata all’Università di Yale, ma partì per viaggiare nel New England dipingendo paesaggi e cercando case infestate. Il suo passatempo preferito era sentire parlare di una casa infestata in una comunità, dipingere un ritratto della casa e regalarlo ai proprietari della casa.

Indagatori dell’occulto

I coniugi Warren erano fermamente convinti che le forze demoniache potessero possedere coloro che mancano di fede.

«Quando non c’è religione, è assolutamente terrificante. Questa è la tua protezione. Dio è la tua protezione. Non importa quale sia la tua religione», ha detto al The Irish Independent nel 2013. “”.

– Lorraine Warren durante un’intervista al The Irish Independent nel 2013

Quello che affascinava particolarmente Ed era essere ospitato dai proprietari nella dimora ritenuta stregata e permettere loro di esplorarla. Le esperienze di Ed come investigatore di fenomeni paranormali e la vasta quantità di informazioni raccolte spinsero i coniugi Warren a rinunciare al loro girovagare per dedicarsi completamente alla consulenza nell’ambito del paranormale. Frequentemente, erano gli unici a cui le persone spaventate per presunte manifestazioni paranormali in casa si rivolgevano, condividendo con loro gli strani eventi verificatisi.

Ed e Lorraine Warren

Man mano che le loro esperienze crescevano, i coniugi Warren si trovarono sempre più coinvolti nel dare consigli e conforto non solo ai proprietari delle case, ma anche a chiunque fosse interessato. Riconoscendo che l’energia negativa legata agli adolescenti e ai giovani adulti poteva attirare attività spirituale indesiderata, gli Warren iniziarono a tenere conferenze nelle università, incoraggiando gli ascoltatori a evitare di attirare involontariamente problemi nelle loro vite e nelle loro dimore. Nel 1969, una mostra delle opere di Ed catturò l’attenzione dei media e di un agente letterario, contribuendo notevolmente ad aumentare la loro visibilità pubblica.

I coniugi Warren raccolsero un vasto archivio comprendente interviste dettagliate, relazioni di famiglie colpite e di altri investigatori, insieme a fotografie, registrazioni audio e video delle attività paranormali. Ciò includeva anche le voci degli spiriti. Possedevano un museo che ospitava abiti, bambole e altri oggetti considerati infestati dagli spiriti. Inoltre, ricevettero numerose lettere di ringraziamento da parte di funzionari governativi, membri del clero e persone comuni per il loro intervento in situazioni incredibilmente malvagie. La coppia condusse ricerche approfondite che portarono all’identificazione di diversi tipi di fenomeni paranormali che richiedevano rimedi specifici. Le loro indagini si estesero sia all’estero che in tutto il territorio americano.

Quando ricevevano un invito per investigare su un luogo, i coniugi Warren organizzavano una visita il più rapidamente possibile. Una volta sul posto, solitamente si dividevano i compiti: Ed si dedicava a interviste approfondite con tutte le persone coinvolte, mentre Lorraine esplorava la casa per percepire eventuali attività spirituali attraverso il suo senso psichico. Di solito, Lorraine rilevava immediatamente la presenza degli spiriti e era in grado di distinguere se si trattava di fantasmi, entità legate alla terra o influenze demoniache disumane.

Ma prima di parlarvi dei loro casi più famosi, è arrivato il momento di vedere anche l’altra faccia della medaglia che gli appassionati di paranormale, i fans della saga di The Conjuring e amanti del mistero, non vogliono né sentire, né vedere.

La New England Society for Psychic Research

La sede del museo degli Warren
La sede del museo dei coniugi Warren

Ed e Lorraine Warren sono cresciuti entrambi nella Chiesa cattolica di Bridgeport, nel Connecticut. Lorraine si dichiarava già medium ancora prima di incontrare Ed e lui aveva un profondo interesse per l’investigazione del paranormale, soprattutto dal lato tecnico. Nel 1952, i coniugi Warren fondarono la New England Society for Psychic Research (NESPR), che esiste ancora oggi, seppur guidata dal loro genero Tony Spera, che porta avanti l’esplorazione e l’investigazione di entità paranormali e demoniache avviate da Ed e Lorraine Warren, dichiarando che «se non avevi nessuno disposto ad ascoltarti o ad aiutarti, ti rivolgevi agli Warren».

La New England Skeptical Society (NESS), un’organizzazione no-profit fondata nel gennaio del 1996 (col nome Connecticut Skeptical Society), con lo scopo di promuovere l’educazione scientifica ed il pensiero critico, sarebbe diventata uno dei detrattori più accaniti dei coniugi Warren.

Secondo ai dati riportati dai coniugi Warren, la coppia avrebbe indagato su oltre diecimila casi nel corso dei loro decenni di attività. Alcuni di questi casi più noti verranno trattati negli articoli di questo sito web Archaeus.it, soprattutto quelli in cui si sono assicurati di capitalizzare il coinvolgimento dei coniugi Warren attraverso accordi di pubblicazioni editoriuali e pubblicitarie.

Gli Warren demonologi

Secondo quanto affermato dai coniugi Warren, Dio non permette al male di visitare gli esseri umani, ma sono gli esseri umani stessi che devono in qualche modo invitare la malevolenza nelle loro vite. Questo può accadere giocando con il soprannaturale (come l’evocazione, la tavola Ouija, le sedute spiritiche, la stregoneria nera e i rituali satanici), sprofondando in stati negativi e depressivi o diventando ossessionati da una persona o da un luogo. Ed si riferiva a questi “permessi” come alla Legge dell’Invito e alla Legge dell’Attrazione. Una volta che il Demonio è autorizzato ad entrare, prende il controllo in tre fasi: infestazione, oppressione e possessione. In circostanze gravi, il risultato finale può essere la morte. Ma queste loro affermazioni non erano nulla di nuovo tra gli esorcisti cattolici. Sicuramente suona strano detto da due demonologi.

Ed e Lorraine Warren

Secondo quanto affermato dal famoso esorcista italiano padre Gabriele Amorth (1925-2016), il demonologo è un teologo o uno studioso che approfondisce lo studio dei demoni partendo da antichi testi, fra qui quelli ritenuti sacri e tradizionali, ma con piglio scientifico, mai fai da te. L’esorcista, invece, è un sacerdote sacramentale che ha ricevuto l’autorizzazione dal vescovo per eseguire l’esorcismo. Ed Warren non era quindi un demonologolo, semplicemente un appassionato autodidatta.

Seppur non esista un vero percorso di studi ufficiale per diventare demonologi, ci sono diverse opzioni per approfondire lo studio del soprannaturale e del paranormale, come ad esempio corsi online (che una volta non c’erano come non c’era internet) che offrono una formazione in demonologia moderna, come quelli che ho frequentato, ma penso che la demonologia non abbia più una grande rilevanza nella contemporaneità. Vi suggerisco un articolo molto interessante del professore Eugene Thacker, docente presso la New School di New York City, che potrete leggere in italiano grazie alla traduzione di Claudio Kulesko.

L’obiettivo degli Warren era documentare e aiuatre ad identificare le manifestazioni di infestazione, oppressione e possessione demoniaca in modo che gli esorcisti addestrati potessero lavorare per liberare la vittima dall’influenza malvagia. Ma di fatto, stando ai loro racconti, spesso erano loro stessi a praticare esorcismi senza alcuna autorizzazione vescovale. Quindi non c’era solo il sostegno della preghiera, ma si adoperavano a “liberare” case e persone da spiriti maligni, nonostante Ed e Lorraine mettessero in guardia chiunque cercasse di emularli.

Ed e Lorraine Warren con la bambola Annabelle
Ed e Lorraine Warren con la bambola Annabelle

Tra i casi più noti dei coniugi Warren troviamo Annabelle, in cui gli spiriti avrebbero infestato una grande bambola Raggedy Ann che affermava di essere il fantasma di una bambina; il caso Donovan, che nasce dall’invito di una figlia adolescente all’infestazione attraverso (guardacaso) la sua tavola Ouija; l’identificazione di un fantasma all’Accademia Militare degli Stati Uniti a West Point e l’aiuto di Lorraine allo spirito per passare dall’altra parte; e lo studio dei cimiteri e di come siano punti di raccolta degli spiriti. Ma forse, il caso più famoso e controverso riscontrato dai coniugi Warren fu il possesso della casa dei Lutz ad Amityville, Long Island, New York. Ed e Lorraine erano due delle sole nove persone a cui era stato chiesto di diventare consulenti sulla legittimità dell’attività demoniaca nella casa. Dissero che il possesso della casa Lutz era autentico. Analizzerò i casi più famosi nei prossimi paragrafi.

error: Content is protected !!