Fantasmi nell'Antico Egitto

Oltre la Morte: i Fantasmi nell’Antico Egitto

88 minuti di lettura

Il Canto dell’arpista

Mentre esploriamo l’evoluzione delle credenze nell’aldilà dell’antico Egitto, emerge un quadro complesso e sfaccettato. Inizialmente, sembrava che la maggior parte degli Egizi abbracciasse una visione ortodossa dell’aldilà, un paradiso eterno e beatamente felice. Tuttavia, con il trascorrere dei secoli, questa prospettiva iniziò a incrinarsi, aprendo la strada a domande inquietanti sulla natura dell’aldilà e la sorte degli spiriti umani.

Un testo particolarmente rivelatore è il Canto dell’arpista, che, in un momento di profonda riflessione, esorta gli ascoltatori a vivere intensamente le loro vite terrene. La canzone mette in discussione l’idea di un aldilà garantito, poiché, come canta l’arpista, la morte è l’unica certezza, mentre ciò che accadrà dopo rimane un mistero irrisolto. Questa prospettiva pessimistica solleva interrogativi sul destino degli spiriti che non sono stati adeguatamente assistiti: sarebbero condannati a soffrire per l’eternità? Cosa significava essere un’anima dimenticata e non amata nell’oltretomba?

In effetti, l’esistenza stessa dei fantasmi nell’antico Egitto sembrava aver contribuito a questa evoluzione di atteggiamento. Se, come si credeva comunemente, tutti avrebbero goduto di una felice vita ultraterrena eterna, allora perché i fantasmi sarebbero tornati per tormentare il mondo dei vivi? Questa domanda provocatoria fece scuotere gli antichi Egizi.

Il Canto dell’arpista è stato rinvenuto nella tomba del re Antef, datato al periodo del Medio Regno, che si estende approssimativamente tra il 2040 e il 1782 a.C. e ha offerto una preziosa riflessione sulla brevità della vita umana e la certezza della morte. Questo testo, tramandato attraverso le epoche, ha fornito un’ispirazione intemporale su come affrontare il nostro passaggio sulla Terra.

L’antico testo di questo canto, conservato in un manoscritto del British Museum di Londra, noto come Papiro Harris 500, ci offre una profonda meditazione sulla morte e sulla vita. Questo testo, attribuito a un certo Antef, ci invita a riflettere sulla natura effimera della vita umana. Suggerisce che, nonostante le promesse di pace e giustizia nella tradizione, la morte resta un destino misterioso e incerto per gli esseri umani. Il testo enfatizza l’importanza di vivere appieno ogni giorno finché ci è concesso. Incoraggia a godere dei momenti felici e a dimenticare le preoccupazioni, suggerendo che questa sia l’unica soluzione che la vita può offrire. Questo messaggio di vivere con gratitudine e gioia è un richiamo a non dare mai per scontato il tempo che abbiamo.

Frammento del Papiro Harris 500 conservato al © British Museum
Frammento del Papiro Harris 500 conservato al © British Museum

Il fatto che questa meditazione sulla vita e sulla morte sia stata conservata in una raccolta di canti d’amore suggerisce l’importanza di abbracciare la bellezza e l’effimero della vita amorosa, rendendola parte integrante del nostro percorso. Nonostante le incertezze e i misteri della morte, il testo invita a celebrare la vita e a trovare significato nei momenti felici che essa offre. Questo antico testo ci ricorda che, nonostante le nostre domande sull’aldilà e sulla morte, l’importante è vivere appieno la vita che abbiamo, apprezzando le gioie e le relazioni che essa ci offre. La morte rimane un mistero, ma la vita è un dono prezioso che meritiamo di celebrare.

Nel Canto dell’arpista, il messaggio centrale è un richiamo alla fragilità della vita e all’importanza di sfruttare al meglio il tempo a disposizione. L’autore del componimento invita il suo pubblico a riflettere sulla condizione umana, ricordando che la morte è inevitabile e imprevedibile. Questo appello a non sprecare il tempo è una lezione di saggezza che si è mantenuta rilevante attraverso i secoli, offrendo un prezioso spunto di riflessione per tutte le generazioni.

Arpista egizio (Maler der Grabkammer des Nacht - The Yorck Project, 2002)

Il messaggio contenuto ci ricorda quanto sia importante vivere appieno ogni giorno, apprezzare le relazioni con gli altri e perseguire i nostri obiettivi e passioni. La morte, sebbene inevitabile, può fungere da catalizzatore per un apprezzamento più profondo della vita stessa. Il testo ci spinge anche a riflettere su come utilizziamo il nostro tempo e a cercare un significato e un valore in ogni istante che viviamo.

Oggi, secoli dopo la sua composizione originale, il Canto dell’arpista continua a ispirare coloro che si sforzano di abbracciare la vita con gratitudine e consapevolezza, tenendo a mente la preziosa lezione della brevità della nostra esistenza. La saggezza di questo antico testo ci ricorda di vivere la vita con passione, compassione e gratitudine, affrontando le sfide con coraggio e cercando di lasciare un’impronta positiva nel mondo.

«Fate una vacanza! E non stancatevi di giocare! Perché a nessuno è permesso di portare con sé i propri beni, e nessuno di coloro che lasciano questa vita torna mai più indietro.»

dal Canto Canzone dell’arpista del Medio Regno

Quindi, un uomo scettico si confrontò direttamente con un fantasma, suggerendo che l’anima sfortunata era intrappolata in un aldilà cupo e statico. «L’oscurità è davanti ai tuoi occhi ogni giorno», ha dichiarato, esprimendo il suo disincanto riguardo all’aldilà.

Questi cambiamenti di atteggiamento hanno reso l’aldilà egizio un luogo potenzialmente spaventoso, lontano dalla visione idilliaca che un tempo era predominante. A questi sviluppi si è accompagnato un aumento della preoccupazione per i morti e gli spiriti, nonché un crescente senso di pietà personale. Le persone hanno iniziato a sviluppare una relazione personale con gli dei e con gli spiriti defunti, sperando di garantire il loro ricordo e la loro cura anche in un aldilà incerto. La tomba, in particolare, ha assunto un’importanza senza precedenti, essendo vista come la dimora eterna dell’anima, un rifugio per proteggere gli spiriti dimenticati.

In definitiva, mentre la visione dell’aldilà egizio ha attraversato cambiamenti significativi nel corso dei secoli, una cosa rimane costante: il desiderio umano di comprendere e connettersi con il mondo oltre la vita terrena. La concezione dell’aldilà come un luogo potenzialmente spaventoso ha incanalato la riflessione sugli aspetti più complessi della vita ultraterrena, promuovendo una maggiore introspezione e una maggiore preoccupazione per gli spiriti che vi dimorano.

La concezione della morte per gli antici Egizi

La concezione egizia della morte è stata caratterizzata da una visione duratura che raffigurava l’aldilà come un paradiso, una continuità della vita sulla Terra, ma priva di delusioni, perdite o angosce. Contrariamente al detto “non puoi portarlo con te”, gran parte della storia egizia abbracciava il concetto di “lo tieni per sempre”, poiché credevano che alla morte ci si sarebbe ritrovati nel paradiso noto come il Campo dei Canneti.

Tuttavia, nel corso delle epoche, questa visione dell’aldilà ha subito cambiamenti, con periodi in cui è stata più ampiamente accettata e altri in cui è stata meno popolare, ma in generale ha mantenuto una notevole continuità. Questa concezione è stata intrecciata con una profonda comprensione degli spiriti disincarnati, noti come fantasmi, che, più della visione dell’aldilà stessa, sono rimasti immutati dalle prime testimonianze fino alla fine della storia dell’antico Egitto. I fantasmi nell’Antico Egitto erano considerati una realtà tanto quanto qualsiasi altro aspetto dell’esistenza umana.

In questo modo, la cultura egizia ha sviluppato una prospettiva unica sulla morte e sull’aldilà, con una fede salda nella continuazione dell’anima e nella presenza dei fantasmi nell’aldilà, creando un legame significativo tra il mondo dei vivi e quello dei defunti.

Sentenza del defunto, Libro dei morti di Lady Neskhons. Scorrere. Scrittura egiziana, geroglifica. Egitto, c. 300 a.C. Biblioteca Chester Beatty Pap XXI.4
Sentenza del defunto, Libro dei morti di Lady Neskhons. Circa 300 a.C.

«Questi approcci includevano l’uso di oracoli e magia, lettere ai morti, sogni e altre forme di divinazione, culti degli antenati, e il culto di divinità speciali. Si credeva che la società fosse formata da quattro gruppi – gli dèi, il re, i morti benedetti e l’umanità – che condividevano determinati obblighi morali e il dovere di interagire per mantenere l’ordine del mondo. L’esistenza di questo ordine, e l’ipotesi che esso fosse costantemente minacciato, era una premessa fondamentale delle credenze egizie.»

Ann Rosalie David, egittologa (da Religion and Magic in Ancient Egypt, 2002)

Al centro della cultura egizia risplendeva il concetto di ma’at, che abbracciava il significato di armonia e equilibrio e permeava praticamente ogni aspetto della loro esistenza. Tuttavia, tra le manifestazioni più significative di questo principio, vi era la solenne cerimonia di sepoltura dei defunti. Gli antichi egizi ritenevano che il percorso dell’essere umano fosse un sentiero unidirezionale che si estendeva dalla nascita, attraverso la morte, e verso l’aldilà.

Con l’intento di agevolare il viaggio dell’anima verso il mondo spirituale e assicurare che potesse fare ritorno sulla Terra in modo pacifico, gli egizi adornavano le tombe con pitture murali, iscrizioni e statue. Questi monumenti funerari non solo celebravano la vita e gli exploit del defunto ma garantivano anche un’adeguata guida nell’oltretomba. Si aspettavano, tuttavia, che lo spirito intraprendesse il suo viaggio verso il regno dei morti in tempi relativamente brevi.

L’insolita apparizione di un fantasma e, ancor di più, la sua interazione con i vivi, costituivano un segno certo che l’ordine naturale delle cose era stato turbato. La causa più comune di questo turbamento era attribuita all’insoddisfazione dello spirito per la sepoltura del suo corpo, lo stato della sua tomba o la mancanza di rispettoso ricordo da parte dei vivi. La convinzione che un defunto avesse bisogno di essere onorato adeguatamente e che la sua memoria dovesse essere mantenuta intatta rappresentava una parte essenziale del mantenimento dell’equilibrio e dell’armonia nella vita degli antichi egizi.

Sviluppo delle credenze sull’Anima nell’Antico Egitto

Nell’antico Egitto, la concezione dell’anima e del suo destino nell’aldilà rappresenta una prospettiva complessa e in continua evoluzione. Originariamente, gli egizi vedevano l’anima come un’entità singola e indivisibile. Questa anima, nota come Khu, rappresentava l’essenza eterna di un individuo destinata a sopravvivere alla morte e a viaggiare nell’aldilà.

Tuttavia, l’antico Egitto copre un vasto arco di storia, con molteplici epoche, influenze culturali e cambiamenti religiosi. È quindi logico attendersi che le credenze religiose abbiano subito variazioni significative nel corso dei millenni. In particolare, la comprensione dell’anima umana si è evoluta da quella di un’entità singola a una più complessa, che coinvolgeva fino a nove diverse componenti, a volte più, a volte meno, a seconda dell’era storica dell’antico Egitto.

Tra queste componenti figuravano il Ka, un aspetto spirituale che incarnava la personalità individuale; il Ba, una figura alata con testa umana e corpo d’uccello, capace di spiccare il volo tra il mondo terreno e il cielo; lo Shuyet, una sorta di ombra del sé; e l’Akh, l’aspetto immortale dell’anima, talvolta considerato anche come un aspetto spettrale. Secondo il saggio Religion and Magic in Ancient Egypt (2002) dell’egittologa britannica Ann Rosalie David, l’Akh spesso si occupava degli affari dei vivi.

Per assicurare che questi aspetti immateriali dell’anima potessero navigare in sicurezza tra il mondo dei vivi e l’aldilà, era essenziale che il corpo fisico, noto come Khat, venisse preservato il più accuratamente possibile. Questa convinzione profonda sottostava alla pratica della mummificazione, uno degli aspetti più iconici della cultura egizia.

Quando una persona moriva, la sua famiglia portava il corpo dagli imbalsamatori, antenati delle moderne agenzie funebri. Le opzioni di imbalsamazione e sepoltura variavano in base alle risorse finanziarie della famiglia. Esistevano tre categorie principali, con diverse spese e servizi:

  • un’opzione di alto livello che collegava il defunto al dio Osiride;
  • un’opzione intermedia che includeva la mummificazione, riti funerari e una bara più modesta;
  • un’opzione economica che offriva servizi minimi.

La scelta effettuata dalla famiglia avrebbe determinato il tipo di bara fornita, i rituali funerari e la preparazione del corpo. Gli imbalsamatori avrebbero presentato queste opzioni alle famiglie in lutto, riconoscendo che la scelta avrebbe potuto avere un impatto significativo non solo sulla sorte dell’anima del defunto nell’aldilà, ma anche sulla vita dei parenti sopravvissuti nei mesi a venire. Se, ad esempio, una famiglia poteva permettersi l’opzione di alto livello associata a Osiride, ma sceglieva invece di risparmiare su opzioni meno costose, lo spirito del defunto aveva il diritto di tornare e lamentarsi. In questi casi, gli dèi concedevano all’Akh il permesso di tornare sulla Terra per correggere l’ingiustizia subita.

Tuttavia, gli Akh potevano fare ritorno anche per altre ragioni oltre a una sepoltura economica o a riti funerari insufficienti. Qualsiasi torto o offesa commessi contro il defunto durante la sua vita, se non erano stati espiati in vita, potevano costituire motivo di infestazione dopo la sua morte. La complessa rete di credenze egizie sull’anima, sulla morte e sull’aldilà riflette l’importanza che attribuivano alla connessione tra i mondi dei vivi e dei defunti, cercando di mantenere l’armonia in entrambi gli universi.

««1 2 34 ... 6»»
error: Content is protected !!