Minnie Meserve Soule

Minnie Meserve Soule, la medium nota come Mrs. Chenoweth

15 minuti di lettura

Minnie Meserve Soule (1867-1936), ha svolto un ruolo significativo come medium mentale, collaborando strettamente sia con l’American Society for Psychical Research (ASPR) che con la Boston Society for Psychic Research. Purtroppo non sono sopravvissute fotografie che ritraggano la medium.

Sede dell'American Society for Psychical Research (ASPR)
Sede dell’American Society for Psychical Research (ASPR)

Conosciuta inizialmente con lo pseudonimo di Mrs. Chenoweth, Minnie Meserve Soule è nata a Boston il 12 novembre 1867. La sua infanzia è stata segnata da una perdita precoce, con la morte della madre quando aveva solo quattro anni. Crescendo con il padre e la matrigna fino all’età di 16 anni, ha poi trascorso del tempo con la famiglia materna in New Hampshire, completando la sua istruzione e iniziando la sua carriera nell’insegnamento. Successivamente, ha traslocato a Somerville, Massachusetts, dove ha continuato a insegnare fino a quando ha incontrato Charles L. Soule, che ha sposato nel 1897.

Fin dalla giovinezza, prima di lasciare la sua casa d’origine a Boston, Minnie Meserve Soule ha iniziato ad avere sogni precognitivi, alcuni dei quali si sono manifestati concretamente fino a cinque anni prima degli eventi. Tuttavia, è stato solo dopo il matrimonio che la sua abilità medianica ha cominciato a svilupparsi in maniera più evidente. Inizialmente percepiva nomi in modo chiaroveggente e riceveva dettagliate descrizioni di individui che non aveva mai incontrato, alcuni di questi poi identificati in situazioni verificabili. Successivamente, ha iniziato a praticare la scrittura automatica, un processo durante il quale riceveva messaggi da persone sconosciute, decedute da tempo.

Le collaborazioni

Per un lungo periodo, James Hervey Hyslop (1854-1920), un ricercatore psichico americano, psicologo e professore di etica e logica alla Columbia University, ha condotto test intriganti in casi di ossessione attraverso l’abilità medianica di Soule. Ha dimostrato eccellenti fenomeni in trance, paragonabili a quelli sperimentati da Leonora Piper (1857-1950). Durante le sedute, Minnie Meserve Soule veniva controllata da “Imperator” e “Sun-beam”, quest’ultimo identificato come lo spirito di un bambino.

Nei documenti della Boston Society for Psychic Research, si trova un resoconto avvincente delle sedute che narrano le esperienze di Lydia W. Allison. Il materiale è integrato dal parapsicologo Walter Franklin Prince (1863-1934) ed è pubblicato sotto il titolo Leonard and Soule Experiments in Psychical Research (1929).

In un precedente lavoro della Cornell University, Spirit Messages (1911), del medium Hiram Corson (1828-1911), che era stato un professore di letteratura americano, sono registrate comunicazioni uniche ricevute attraverso Minnie Meserve Soule. Queste apparivano provenire da figure eminenti come i poeti Robert Browning (1812-1889) e sua moglie Elizabeth Barrett (1806-1861), il barone Alfred Tennyson (1809-1892), il letterato Henry Wadsworth Longfellow (1807-1882) e altre menti di spicco dell’epoca.

«Signorina Minnie Meserve Soule, attraverso la cui medianità gli spiriti messaggi qui contenuti sono stati consegnati, questo libro è dedicato dal grato destinatario dei medesimi.»

la dedica di Hiram Corson nel suo libro Spirit Messages del 1911

Nel suo libro, Hiram Corson racconta come è venuto a conoscenza di Minnie Meserve Soule:

«È stato su richiesta del Gruppo che sono andato a Boston lo scorso settembre per avere delle sedute con la signora Minnie Meserve Soule, una medium in trance di alta reputazione, che mi era stata caldamente raccomandata da Miss Lilian Whiting, la quale ha scritto molto, indirettamente, sullo Spiritismo.»

Lilian Whiting (1847-1942) è stata una giornalista, editrice e autrice americana di poesie e racconti.

«L’obiettivo della richiesta del Gruppo era, come hanno spiegato, potermi trasmettere messaggi lunghi e coerenti. (I messaggi ricevuti a casa erano generalmente non più lunghi di una o due frasi, in quanto la ‘potenza’ non era sufficiente per messaggi più lunghi). I messaggi straordinari contenuti in questo libro sono il risultato di 24 sedute giornaliere con la signora Soule. I nomi degli spiriti che compongono il Gruppo regolare sono quelli indicati nel titolo del libro, ad eccezione degli ultimi quattro: Ooldwin Smith, Nathaniel Hawthorne, William Ewart Gladstone e Valentine Mott. Questi quattro sono stati portati, in tempi diversi, durante le sedute, dai loro amici, e sono stati oggetto di particolari onori.
Le sedute sono state protette da spiriti indiani, portati da Longfellow, il cui lavoro è nella sfera indiana. Gli spiriti intrusi, generalmente di basso rango, avrebbero interferito seriamente con i messaggi del Gruppo, i quali erano, come in precedenza pianificato, ciascuno di un carattere speciale.»

Spirit Messages (1911) di Hiram Corson

Il messaggio dalla defunta madre

Un giorno, Minnie Meserve Soule scoprì un messaggio in un elegante e antico stile di scrittura, firmato col nome di sua madre. Sorpresa e sconcertata, mostrò immediatamente il documento a suo padre, il quale, a sua volta, recuperò una lettera che la madre aveva scritto a lui quando era in vita. La somiglianza tra le grafie era così straordinaria che era difficile distinguere quella del messaggio da quella presente nello scritto automatico.

Questa strana coincidenza avvenne durante un periodo di grande fervore per lo Spiritismo, quando le pratiche legate al mondo dell’oltretomba erano al culmine della loro popolarità. Nei circoli di amici, i Soule avevano esplorato varie manifestazioni spirituali, compiendo esperimenti con il Tavolo Vibrante. Tuttavia, questo particolare evento era ancora più sorprendente perché i Soule avevano perso una figlia, scomparsa a soli otto mesi di vita. La connessione con il mondo spirituale in quel momento delicato della loro vita aggiunse un livello di mistero e di profondità alle loro esperienze spirituali.

Il dono medianico e le prime difficoltà

Minnie Meserve Soule si trovò improvvisamente a esprimere parole e concetti per i quali non si sentiva responsabile consciamente. Questo la sconvolse così profondamente che si scatenarono le sue lacrime, convinta di essere affetta da qualche disturbo mentale. La sua reazione fu così intensa che decise di interrompere qualsiasi coinvolgimento con il Tavolo Vibrante, causando la dispersione del gruppo. Il giorno seguente, suo marito la condusse da amici Spiritisti, i quali cercarono di tranquillizzarla, rassicurandola sul fatto che la sua esperienza non fosse affatto insolita o anormale.

Choctaw
Choctaw

Successivamente, iniziarono a esplorare più approfonditamente il fenomeno con Soule, scoprendo in lei una sensitiva incredibilmente dotata e versatile. Si scoprì che Minnie Meserve Soule era in contatto con vari spiriti guida di nativi americani. Uno di questi, chiamato Nuvola Bianca (White Cloud), prescriveva rimedi erboristici per le malattie, tanto apprezzato che Soule si trovò a dover tenere a disposizione un magazzino di erbe per soddisfare le sue prescrizioni. Un altro spirito, Raggio di Sole (Sunbeam), sosteneva di essere stata una giovane Choctaw al momento della sua morte, fornendo messaggi verbali spesso arricchiti da parole presumibilmente in lingua Choctaw.

I Choctaw sono una tribù di nativi americani originari delle regioni sud-orientali degli Stati Uniti. Hanno una ricca cultura, con tradizioni, lingua e pratiche spirituali distintive. Sono stati storicamente conosciuti per le loro abilità agricole e artistiche, oltre alle loro tradizioni religiose e cerimoniali. La lingua Choctaw è parte del gruppo linguistico muskogean (una famiglia linguistica di lingue native americane parlate nel sud-est degli Stati Uniti d’America) ed è stata tramandata attraverso generazioni, anche se oggi è parzialmente in declino.

Durante un periodo, un professore di un college del Massachusetts trascrisse foneticamente delle frasi, poi verificate in una riserva Choctaw. Sembra però che la documentazione di questa verifica sia andata persa, rendendo difficile confermare l’esito del test.

L’attività medianica di Minnie Meserve Soule

All’inizio della sua esperienza come medium, Minnie Meserve Soule aveva piena consapevolezza delle comunicazioni che veicolava. Tuttavia, presto si stancò di questa consapevolezza e chiese aiuto ai suoi spiriti guida, i quali acconsentirono ad oscurarla mentre parlavano attraverso di lei.

Da quel momento, la sua medianità si caratterizzò per una trance completa, anche se sotto il controllo dello spirito guida Raggio di Sole (Sunbeam) sembrava avere una sorta di leggerezza apparente. Nonostante ciò, test dimostrarono che, durante la trance, lei aveva un’assoluta amnesia riguardo agli eventi che accadevano. Nel 1907, Minnie Meserve Soule cominciò a collaborare con James H. Hyslop, che in quel periodo aveva assunto la direzione dell’ASPR. Potrebbe essere stata la sua formazione di insegnante a renderla idonea per quel ruolo, ma il suo contributo ai ricercatori psichici la pose sullo stesso piano di medium come Leonora Piper, Gladys Osborne Leonard (1882-1968) ed Eileen J. Garrett (1893-1970).

La collaborazione con James H. Hyslop

Le comunicazioni di Minnie Meserve Soule, pervenute sia tramite la scrittura automatica che tramite il parlato, si collocavano alla pari in qualità con quelle dei suoi colleghi. Uno dei primi casi su cui si concentrò con James H. Hyslop fu il Caso Thompson-Gifford.

Frederic L. Thompson (1868-1933), un artista, si trovò ossessionato dalle tematiche artistiche di un altro pittore, Robert Swain Gifford (1840-1905), ormai scomparso. Durante le sedute organizzate da Hyslop per Thompson con Minnie Meserve Soule, Gifford affermò di essere entusiasta di poter continuare la sua opera attraverso Thompson.

Questo caso costituì un punto centrale nella ricerca di Hyslop sulla possessione spiritica, concetto fondamentale nel suo contributo teorico alla ricerca psichica. Nel 1914, Minnie Meserve Soule assistette Hyslop nel tentativo di trattare la personalità multipla di Doris Fischer (1889-1919), precedentemente segnalata da Walter Franklin Prince. Hyslop sosteneva che casi del genere fossero in realtà manifestazioni di possessione da parte di spiriti, e i comunicatori di Soule appoggiarono questa interpretazione del caso. Tra essi vi era uno che si presentava come la madre di Doris, le cui comunicazioni si dimostrarono molto probanti, fungendo da fondamento per un resoconto separato.

Dopo la morte di Hyslop nel 1920, Minnie Meserve Soule dichiarò di ricevere comunicazioni da lui, ma queste non vennero mai pubblicate (sono tuttavia conservate negli archivi dell’ASPR). Prince, che subentrò ad Hyslop nell’ASPR, iniziò a collaborare con Soule; successivamente, quando Prince lasciò l’ASPR per dirigere la Boston Society for Psychic Research nel 1925, Soule lo seguì. Durante questo periodo ebbe sedute con John F. Thomas (1874-1940) psicologo, insegnante e amministratore scolastico di Detroit, desideroso di contattare la moglie appena defunta.

Thomas giudicò le sedute con Soule estremamente positive, tanto da avviare uno studio approfondito sulla medianità che lo portò a conseguire un dottorato dalla Duke University nel 1933. Minnie Meserve Soule morì il 28 aprile 1936.

Il lavoro di Hyslop con lei fu principalmente pubblicato nei Proceedings of the American Society for Psychical Research tra il 1907 e il 1920, mentre altri resoconti si trovano nei libri Leonard and Soule Experiments in Psychical Research (1929) di Lydia W. Allison e Beyond Normal Cognition (1937) di John F. Thomas.

«Negli oltre nove anni trascorsi dai primi due test appena descritti, ho condotto centoquarantanove esperimenti personali con la signora Soule, generalmente una seduta a settimana per periodi di tre mesi, sebbene ci sia stata una serie personale di sei settimane con prove giornaliere in tutti i giorni feriali. Oltre a questi centoquarantanove esperimenti ai quali ho partecipato, duecentodiciassette sono stati condotti da un segretario mentre io ero assente a Detroit, Michigan o altrove. Questi sono stati organizzati una volta alla settimana o ogni due settimane, nello stesso giorno della settimana, ma a volte gli accordi sono stati cambiati senza che ne fossi a conoscenza. Di conseguenza, non sapevo il giorno di alcuni degli esperimenti fino a quando non ricevevo il resoconto per posta. Raramente sapevo l’ora di un particolare esperimento.»

Beyond Normal Cognition (1937) di John F. Thomas.
error: Content is protected !!