Isola delle Bambole
/

L’Isola delle Bambole: un luogo di bellezza e mistero

10 minuti di lettura

L’Isola delle Bambole (Isla de las Muñecas), posizionata nei canali di Xochimilco a sud di Città del Messico, è conosciuta per la sua splendida natura e i panorami suggestivi. Tuttavia, ciò che la distingue dalle altre isole messicane sono le numerose attività paranormali che vi sono state riportate.

Infatti, l’Isola di Xochimilco ha assunto un aspetto ancora più spaventoso dopo che i suoi abitanti indigeni hanno iniziato a eseguire un insolito rituale per prevenire diversi fenomeni perturbanti. L’isola di Xochimilco è entrata nell’attenzione pubblica per la prima volta negli anni Novanta, quando il governo messicano ha deciso di ripulire i suoi canali e alcune persone hanno raggiunto l’isola durante questo processo. Hanno scoperto centinaia di bambole dall’aspetto sinistro misteriosamente appese in ogni angolo dell’isola.

Storia delle bambole appese

Nella metà del secolo scorso, il proprietario dell’isola, Don Julián Santana Barrera, ha iniziato a raccogliere bambole e a disporle sull’isola, facendola diventare famosa quando nel 1943, il regista messicano Emilio Fernández (1904-1986) l’ha scelta come set per il film La Vergine Indiana (María Candelaria).

Dopo la scomparsa di Barrera nel 2001, la sua famiglia ha reso l’isola accessibile al pubblico come luogo di interesse turistico. Oltre alle numerose bambole, l’isola ospita tre capanne e un piccolo museo con articoli di giornali locali riguardanti l’isola e il suo precedente proprietario. Nella capanna monolocale dove Barrera dormiva, sono esposte la prima bambola che Barrera ha raccolto e Agustina, la sua bambola preferita.

La leggenda dell’isola delle bambole

Nei primi anni Sessanta, Julián Santana Barrera si stabilì sull’Isola delle Bambole, sperando di vivere una vita tranquilla. Tuttavia, la sua pace fu interrotta quando una ragazza, che era venuta sull’isola con la sua famiglia, morì annegando in un bacino d’acqua. Questo incidente segnò l’inizio di una serie di eventi inquietanti.

Un giorno, Barrera si imbatté nel corpo della ragazza che galleggiava nei canali. Il giorno successivo, trovò una bambola nel punto esatto in cui la ragazza era annegata. Credendo che la bambola appartenesse alla ragazza, la tirò fuori dall’acqua e la appese ad un albero, sperando che questo gesto potesse permettere allo spirito della ragazza di riposare in pace. Da quel giorno, ogni volta che Julian usciva, vedeva una nuova bambola appesa lì. Col passare del tempo, il numero delle bambole sull’isola aumentò.

Foto di bambole appese

Nel 2001, il nipote di Barrera visitò l’isola per aiutare suo zio. Mentre pescavano nel canale, Barrera, allora ottantenne, cantava appassionatamente, sostenendo che le sirene nell’acqua lo stessero chiamando. Quando il nipote tornò, trovò Barrera senza vita, a faccia in giù nel canale, nello stesso punto in cui si diceva fosse annegata la ragazza.

Gli isolani, credendo che lo spirito insaziabile della ragazza fosse responsabile della morte di Julian, iniziarono a posizionare bambole sugli alberi per placare il fantasma. Questo rituale continuò e, con l’esposizione al sole e alla pioggia, le bambole assunsero un aspetto spaventoso. Si dice che le bambole siano infestate dallo spirito della ragazza morta. Secondo le voci, nel cuore della notte, le bambole prendono vita e sussurrano tra loro.

Da quando l’isola è stata aperta al pubblico, ci sono state segnalazioni di bambole che muoverebbero la testa, le braccia e aprirebbero gli occhi. I visitatori affermano anche di aver sentito le bambole sussurrare tra loro. Di tanto in tanto, i visitatori pongono offerte intorno alle bambole in cambio di miracoli e benedizioni, e alcuni cambiano i vestiti delle bambole e mantengono l’isola come forma di culto. Nonostante le prove dell’esistenza della ragazza non siano mai state riportate, la leggenda dell’Isola delle Bambole continua a vivere.

Investigazioni sul paranormale

Tim Burton
Tim Burton

L’Isola delle Bambole ha attirato l’attenzione di vari programmi televisivi e piattaforme di streaming. Il noto cineasta Tim Burton ha esplorato l’isola durante la sua visita in Messico nel 2012 per la presentazione del suo film d’animazione Frankenweenie. La sua escursione è durata parecchie ore e, secondo fonti vicine a lui, Burton ha trovato il posto molto meno spaventoso di quanto immaginasse.

È stata presentata nel programma Ghost Adventures di Travel Channel, così come nel programma Lore disponibile su Amazon Prime. Inoltre, è stata menzionata nel programma BuzzFeed Unsolved, dove il presentatore Shane Madej, noto per il suo scetticismo riguardo al paranormale, ha espresso la sua convinzione nelle leggende associate all’isola.

Zak Bagans dei Ghost Adventures all'Isola delle Bambole (fonte: Travel Channel)
Zak Bagans dei Ghost Adventures all’Isola delle Bambole

Nel 2020, un episodio dello show Expedition X è stato girato sull’isola. I ricercatori Josh Gates, Phil Torres e Jessica Chobot hanno collaborato con l’investigatore del paranormale Jason Hawes, noto per la serie Ghost Hunters, per esplorare i misteri dell’isola.

Infine, il primo episodio della prima stagione di The UnBelievable With Dan Aykroyd, trasmesso su History Channel (USA), ha presentato l’Isola delle Bambole, contribuendo ulteriormente alla sua fama e mistero.

Come raggiungere l’Isola delle Bambole

Se state considerando di visitare l’Isola delle Bambole, dovreste sapere che non è così semplice arrivarci. L’opzione più consigliabile è noleggiare un’auto o prendere un taxi verso Cuemanco, situato nella riserva di Xochimilco. Successivamente, dovrete prendere un traghetto da Embarcadero Cuemanco o da Embarcadero Fernando Celada.

La testa di una bambola "osserva" una trajinera di passaggio
La testa di una bambola “osserva” una trajinera di passaggio

Se scegliete di viaggiare su una trajinera (un’imbarcazione simile ad una gondola), il viaggio non dovrebbe durare più di due ore, a seconda del punto di partenza. Le barche più grandi di solito non prevedono una fermata all’isola nel loro itinerario, quindi dovrete chiedere esplicitamente al capitano di fermarsi lì. Anche perché la maggior parte dei rematori è disposta a portare le persone sull’isola, ma alcuni rifiutano per superstizione. In genere, il costo di un giro in barca si basa su una tariffa oraria e si aggira intorno ai 200 pesos (o 15,5 dollari).

Conclusioni

L’Isola delle Bambole, con la sua storia inquietante e le sue bambole dall’aspetto spettrale, è un luogo che incarna il mistero e l’incanto. Le storie di Julián Santana Barrera, che avrebbe dedicato la sua vita a placare lo spirito di una giovane ragazza scomparsa, sono testimonianze della profonda connessione umana con il soprannaturale.

Le bambole, appese agli alberi come talismani per allontanare gli spiriti maligni, sono diventate simboli di una leggenda che continua a vivere. Nonostante l’esposizione agli elementi, che ha dato loro un aspetto spaventoso, queste bambole rappresentano un tentativo di dare pace a un’anima inquieta.

La morte misteriosa di Barrera, nello stesso punto in cui si diceva fosse annegata la ragazza, ha solo rafforzato la convinzione nella presenza di forze soprannaturali sull’isola. Con l’apertura al pubblico, la leggenda dell’Isola delle Bambole ha raggiunto un pubblico più ampio. Le segnalazioni di bambole che si muovono e sussurrano tra loro hanno attirato l’attenzione dei media e hanno portato alla creazione di vari programmi televisivi e documentari. Questa attenzione ha contribuito a mantenere viva la leggenda e a diffondere la storia dell’isola in tutto il mondo.

Che si tratti di bambole infestate è difficile dirlo, tranne per chi lo crede, ma di certo, con i loro occhi vuoti e i loro corpi logori, rimangono come custodi silenziosi di una storia che continua a incantare e a spaventare. L’Isola delle Bambole rimane un luogo di mistero e fascino, un luogo dove la linea tra il mondo dei vivi e quello degli spiriti sembra sfumare, e dove le storie di fantasmi continuano a vivere attraverso le bambole appese agli alberi.

error: Content is protected !!