Misteri di Pulau Ubin
/

I misteri di Pulau Ubin: la Barbie richiesta dallo spirito di una ragazza

32 minuti di lettura

La storia che sto per raccontarvi vede come protagonista, non solo una delle bambole più iconiche della storia dei giocattoli, ovvero Barbie, ma anche una ragazza tedesca, o meglio, il suo spirito inquieto. Secondo la leggenda di Singapore, la Barbie di Pulau Ubin è esposta in un tempio commemorativo e si dice che il suo acquisto sia stato voluto da una ragazza che voleva una Barbie per placare il suo spirito nell’Aldilà.

La foto usata come copertina non ritrae la Barbie di Pulau Ubin, ma la Barbie Fantasma del collezionista Bill Greening. La fotografia della Barbie di Pulau Ubin è possibile vederla nei prossimi paragrafi di questo articolo. La scelta di usare la Barbie Fantasma come foto di copertina è puramente rappresentativa, in quanto non esiste una fotografia di alta definizione della Barbie di Pulau Ubin così definita da poter essere usata come immagine di copertina.

Pulau Ubin

A breve distanza, appena quindici minuti di traghetto da Changi Point Terminal, si trova questo tranquillo rifugio isolano, amato sia dagli amanti della natura che dagli escursionisti desiderosi di allontanarsi dal frastuono cittadino: Pulau Ubin, un’isola a forma di boomerang situata nel nord-ovest di Singapore.

La località è caratterizzata da una vasta vegetazione rigogliosa, percorsi per escursioni e cicloturismo, e pittoreschi edifici in legno tradizionali. È un luogo amato dalla comunità locale e permette di immergersi nell’atmosfera pre-sviluppo di Singapore.

Cartina geografica dell'Isola Pulau Ubin

Inizialmente nota come Pulau Batu Jubin, quest’isola di 1020 ettari era densamente popolata e gli abitanti dell’isola si dedicavano all’agricoltura e all’estrazione del granito. La stessa parola “Pulau Ubin” significa “Isola di Granito” in malese. Tuttavia, oggi le cave di granito sono vuote o addirittura abbandonate, coperte da vegetazione o riempite d’acqua piovana, trasformandosi nel corso del tempo in pittoreschi bacini d’acqua. Il granito è, infatti, la pietra impiegata per la costruzione di monumenti come l’Istana e la Singapore-Johore Causeway.

Ancora oggi, questo luogo ospita un misterioso santuario nascosto nella foresta, rimasto uno degli ultimi angoli di Singapore a essere rimasti intatti, lontani dallo sviluppo urbano, dai grattacieli di cemento e dalle strade asfaltate. Qui, i visitatori giungono per fare offerte e pregare lo spirito di una giovane ragazza tedesca, sperando nella loro buona fortuna. Non è un caso che sull’isola si trovi anche una sorta di casinò, che attira numerosi turisti in cerca di fortuna al gioco d’azzardo.

Sull’isola di Pulau Ubin ci sono ben undici santuari e nove templi, ma nessuno cattura l’immaginazione tanto quanto il Santuario della ragazza tedesca, che si trova vicino alla cava di Ketam, sul lato occidentale dell’isola. Lo spirito di questa ragazza è così importante sull’isola, tanto da essere venerata come una divinità.

Il mistero della ragazza tedesca e il suo fantasma

Il Berlin Heiligtum, un santuario femminile tedesco di fama leggendaria, non è esattamente un punto di riferimento promosso dal Singapore Tourism Board. Tuttavia, ha attirato sia turisti che residenti locali nelle distanti pianure sud-occidentali dell’isola, lontano dai ciclisti e dai buongustai che frequentano i ristoranti. I visitatori, armati di fotocamere e guidati da curiosità e fascino, portano occasionalmente doni di cosmetici. Questi doni vengono utilizzati nelle preghiere per chiedere guarigioni, benedizioni e fortuna nella lotteria.

La storia del santuario risale agli anni Dieci (del secolo scorso), poco prima dell’inizio della Prima Guerra Mondiale (1914-1918). All’inizio del XX secolo, una famiglia tedesca risiedeva a Pulau Ubin, possedendo una piantagione di caffè sull’isola nord-orientale di Singapore. Si è scoperto che il terreno apparteneva a due famiglie tedesche, Daniel Brandt e Hermann Muhlingan, ma l’identità della ragazza tedesca rimane un mistero.

Il 4 agosto 1914, il Regno Unito dichiarò guerra all’Impero tedesco e il governo coloniale di Singapore iniziò a sequestrare navi, attività commerciali e proprietà tedesche. A Pulau Ubin, l’esercito britannico arrestò il proprietario della piantagione tedesca e la sua famiglia. La figlia, una ragazza spaventata di circa diciotto anni (si dice nata nel 1896), fuggì nel bosco. Il resto della sua famiglia fu rinchiuso in una baracca di detenzione sulla terraferma di Singapore.

Pochi giorni dopo, il corpo della ragazza fu scoperto dai lavoratori delle piantagioni malesi, coperto di formiche. Si pensava che avesse perso la strada e fosse caduta da un dirupo, morendo. Dopo la guerra, la famiglia tedesca tornò a Pulau Ubin per cercare i resti della loro amata figlia, ma non riuscì a trovare la sua tomba. Con il cuore pesante, lasciarono Singapore e non fecero più ritorno. I resti esumati della ragazza tedesca furono conservati in un tempio taoista cinese su una collina, insieme a un crocifisso in ferro (la ragazza era cattolica romana) e alcune monete.

Il santuario Berlin Heiligtum (foto di Kars Alfrink)
Il santuario Berlin Heiligtum (foto di Kars Alfrink/Flickr)

Le origini del santuario hanno subito anni di rivisitazioni e modifiche, rendendo difficile distinguere tra realtà e finzione. Alcuni sostengono che gli abitanti del villaggio fossero lavoratori precedentemente impiegati dai genitori della ragazza nella loro piantagione, ma questa affermazione non può essere verificata. Si sa che l’ubicazione dell’attuale santuario non era l’ultima dimora della ragazza poiché era stata spostata più a valle.

Nel 1974, una società di cava di granito acquisì la collina per lo sviluppo. I resti della ragazza, il crocifisso e alcune ciocche di capelli, furono poi sepolti in un’urna di porcellana del Jiangsu ben decorata e fu eretto un nuovo tempio. Ma l’urna che i visitatori vedono oggi non è la stessa urna che un tempo conteneva i suoi resti, poiché si credeva che i ladri avessero rubato l’urna precedente per il suo design raffinato e il presunto valore, come ha affermato almeno un abitante del villaggio.

Alcuni abitanti del villaggio hanno riferito di avvistamenti del suo fantasma e da allora la ragazza tedesca è stata trasformata in una divinità locale chiamata affettuosamente Na Du Gu Niang, che si traduce in Lady Datuk.

Cartello che indica il santuario Berlin Heiligtum (foto di Soh Kien Peng/Tripadvisor)
Cartello che indica il santuario (foto di Soh Kien Peng/Tripadvisor)

Ben presto il tempio divenne popolare tra i fedeli che pregavano per avere fortuna nel gioco d’azzardo. I giocatori più accaniti attribuivano le loro serie di vittorie allo spirito della ragazza tedesca; offerte di frutta, fiori, cosmetici e profumi riempivano l’altare. L’attività estrattiva sull’isola ha registrato una significativa diminuzione dagli anni Settanta, culminando con la chiusura dell’ultimo sito nel 1999. Questa transizione ha visto una forte riduzione della popolazione residente, passando da circa duemila individui a meno di cento, trasformando l’isola in un santuario per la flora e la fauna selvatica. Attualmente, il santuario, situato nella parte sud-ovest dell’isola, è integrato nel Ketam Mountain Bike Park. Tuttavia, il santuario continua a essere un punto di interesse per i devoti e i turisti, attirando una media di quattro o cinque visitatori a settimana, e talvolta anche di più.

Nonostante abbia subito diverse fasi di ristrutturazione, l’ultima delle quali nel febbraio 2015, il santuario rinnovato ha perso parte del suo fascino misterioso e inquietante di un tempo. Le sue origini rimangono avvolte nel mistero. Nonostante gli sforzi per rintracciare la famiglia della ragazza in Germania, questi si sono rivelati infruttuosi. I registri pubblici relativi alla proprietà terriera sono o inesistenti o insufficienti.

Lo spirito desidera una Barbie

Un elemento affascinante del santuario è la presenza di una bambola Barbie sul suo altare. Si racconta che la bambola sia stata richiesta dalla ragazza stessa dall’aldilà. Secondo il quotidiano locale Shin Min Daily News, un ex residente di Pulau Ubin, emigrato in Australia, sognò per tre notti consecutive una ragazza caucasica che lo guidava verso una bambola Barbie, chiedendo che fosse collocata sul suo altare. Dopo aver individuato il negozio e la bambola esatti nel mondo reale, decise di acquistarla e di posizionarla nel santuario.

La Barbie di Pulau Ubin
La Barbie di Pulau Ubin

La bambola Barbie di Pulau Ubin, divenuta un simbolo del santuario, non è considerata infestata, nonostante alcune persone possano crederlo. Da allora, la bambola di Pulau Ubin è diventata un idolo simbolico del santuario. Si ritiene che l’urna di porcellana sia ora vuota e che i resti della ragazza tedesca siano andati perduti decenni fa. La sua identità e la sua famiglia rimangono irrintracciabili. Tuttavia, si può vedere in modo ottimista che lo spirito della ragazza tedesca, entrato a far parte della storia di Pulau Ubin e ancora ricordato dagli isolani dopo quasi un secolo, abbia ricevuto una benedizione.

Dal 2007, l’anno in cui si verificò questo evento, l’altare è visitato sia dai locali che dai turisti. Lasciano come offerte vari cosmetici come rossetti, profumi o smalti per unghie, oltre a giocattoli o bevande. Chiedono alla giovane protezione o salute. Nel corso degli anni, la bambola Barbie di Pulau Ubin ha acquisito i suoi misteri e le sue storie, dando nuova vita alla storia della ragazza che non è ancora completamente scomparsa dal mondo dei vivi.

Se vi interessa l'argomento: L'inquietante mondo delle Bambole Infestate (presumibilmente)

Origini della leggenda

La storia dello spirito della ragazza nasce nel 1987, quando Chia Yeng Keng (谢衍庆), un residente di lunga data di Pulau Ubin, nato nel 1928 e stabilitosi sull’isola nel 1931, concesse la sua prima intervista al quotidiano locale Shin Min Daily News, dichiarando che la ragazza aveva radici olandesi-tedesche e che la sua famiglia risiedeva in una piantagione di caffè nella zona occidentale dell’isola. Tuttavia, l’Olanda mantenne la sua neutralità durante la Prima Guerra Mondiale e i cittadini olandesi non furono internati dagli inglesi. Successivamente, Chia ha rivisto la storia, affermando semplicemente che la famiglia era di origine tedesca.

Chia Yeng Keng in un ritaglio di giornale del NewspaperSG del 14 luglio 1990. Immagine riprodotta da Lianhe Wanbao.
Chia Yeng Keng in un ritaglio di giornale del NewspaperSG del 14 luglio 1990.
Immagine riprodotta da Lianhe Wanbao.

Chia ha ammesso candidamente di non essere sicuro della veridicità di alcune parti della storia. Durante un’intervista sulle tradizioni locali del 2004, ha dichiarato: «Sono nato più di un decennio dopo la morte della ragazza tedesca, quindi non ho informazioni dirette su di lei». Nonostante questa affermazione, Chia ha rivelato che la storia gli era stata raccontata da un anziano del villaggio, lo zio Foon Da, un uomo cinese che viveva a Ubin dal 1880. Ma lo zio Foon Da non era un testimone diretto degli eventi, tant’è che disse al nipote di non aver visto personalmente il corpo della ragazza, ma che la storia gli era stata tramandata da altri.

error: Content is protected !!