Bambola Robert

La bambola Robert: una storia vera?

20 minuti di lettura

Introduzione

Nel vasto universo del soprannaturale e dell’occulto, poche storie sono riuscite a catturare l’immaginazione collettiva tanto quanto quella della bambola Robert (conosciuta come Robert the Doll o Robert the Haunted Doll). Questo sinistro giocattolo, dall’aria innocua e l’apparenza da bambola di porcellana, nasconde dietro di sé una storia che sfida la razionalità e getta un’ombra di terrore sui cuori di coloro che osano avvicinarsi a essa.

La leggenda di Robert ha le sue radici nella tranquilla cittadina di Key West, in Florida, dove una misteriosa dimora vittoriana è diventata il palcoscenico di eventi paranormali che hanno affascinato e spaventato generazioni di curiosi. La bambola, la cui vera storia è avvolta nel mistero, è diventata un’icona del soprannaturale, ispirando racconti horror, film e addirittura riti esoterici.

Per comprendere appieno l’enigma di Robert, è necessario esplorare le sue origini, il suo passato contorto e gli inquietanti eventi che hanno segnato la sua presunta vita animata. In questa immersione nel regno del soprannaturale, ci addentreremo nelle testimonianze di coloro che hanno avuto incontri ravvicinati con la bambola e nelle leggende che la circondano, cercando di gettare luce su una storia che continua a sfidare la spiegazione razionale.

Che si tratti di credere o meno nelle forze paranormali, la storia di Robert cattura l’attenzione e alimenta la nostra insaziabile curiosità per l’ignoto. Un viaggio attraverso la sua storia è un’esperienza avvincente che ci conduce in mondi oscuri e inesplorati, dove le linee tra realtà e fantasia si sfumano, e la paura si insinua come un’ombra indomabile. Preparatevi a immergervi nella storia di Robert, la bambola presumibilmente posseduta, e a scoprire se siete pronti ad affrontare il lato più oscuro della nostra immaginazione.

La storia della bambola Robert

Robert è un pupazzo riempito di paglia, con occhi neri che evocano quelli di uno squalo, ed è esposto al Fort East Martello Museum di Key West, in Florida. Nonostante sia difficile capire perché qualcuno possa desiderare di vederlo, attira comunque l’attenzione. Si crede che questa bambola sia infestata, ma da chi?

La bambola Robert esposta al East Martello Museum
La bambola Robert esposta al East Martello Museum

La storia ha avuto inizio quando Robert Eugene Otto (detto Gene, 1900-1974), divenuto un celebre pittore di Key West, era solo un bambino di quattro anni, nell’anno 1904. Una giovane ragazza, presumibilmente originaria delle Bahamas, gli donò una bambola a grandezza naturale, realizzata con stoffa e imbottita di paglia. Secondo alcune voci locali, la bambola potrebbe essere stata regalata da una servitrice che lavorava per i suoi genitori come un gesto di ritorsione per un qualche misfatto.

Si dice che la bambola sia stata fabbricata dalla Steiff Company, con sede in Germania. Comunque sia, Otto sviluppò un profondo affetto per la bambola, a cui diede il suo nome: Robert. Per la bambola, Otto allestì una stanza completa di mobili e giocattoli nella soffitta, incluso un orsacchiotto.

I fenomeni paranormali di Robert

Con il passare del tempo, Otto iniziò a attribuire a Robert la responsabilità di qualsiasi disavventura che lui stesso commetteva. Alla fine, sembrava che la bambola assumesse la colpa di tutte le avversità nella vita di Otto. L’abito da marinaio indossato dalla bambola Robert era presumibilmente un abito che Otto aveva portato durante la sua infanzia.

Il primo indizio che stesse succedendo qualcosa fuori dall’ordinario fu una notte in cui Gene, che aveva solo dieci anni, si svegliò e trovò Robert la bambola seduta ai piedi del letto che lo fissava. Pochi istanti dopo sua madre fu svegliata dalle sue grida di aiuto e dal rumore dei mobili ribaltati nella camera da letto di suo figlio. Gene ha gridato aiuto, implorando sua madre di salvarlo. Quando finalmente riuscì ad aprire la porta chiusa a chiave, vide il povero Gene rannicchiato per la paura sul suo letto, la sua stanza era stata messa a soqquadro e Robert la bambola era seduta ai piedi del letto.

«È stato Robert!» furono le uniche parole che Gene riuscì a pronunciare, le stesse parole che avrebbe usato in seguito, molte volte durante la sua infanzia, quando sarebbe accaduto qualcosa di strano, misterioso o distruttivo. Ma era davvero colpa della bambola?

Non esiste una spiegazione definitiva su come o perché il giocattolo di un bambino potrebbe effettivamente seminare il caos nella sua stanza o compiere altre azioni; dopotutto, non era altro che un giocattolo, giusto? Tuttavia, gli eventi insoliti e incomprensibili non si fermarono a un singolo episodio. I genitori di Gene sentivano spesso il figlio conversare con la bambola al piano superiore e ricevere risposte con una voce completamente diversa. Hanno riferito di aver visto la bambola parlare e di aver notato cambiamenti nella sua espressione.

Il matrimonio di Otto e l’eredità della bambola

The Artist House a Key West, in Florida
The Artist House a Key West, in Florida

Gene si sposò a Parigi il 3 maggio 1930 con Annette Parker (detta Anne), una concertista e pianista jazz e insieme tornarono nella casa della famiglia Otto a Key West per vivere lì fino alla morte del pittore nel 1974. andò ad abitare in una dimora costruita tra il 1890 e il 1898 oggi chiamata The Artist House (La Casa dell’Artista), che si trova al 534 di Eaton Street, sempre a Key West, in Florida. Quando Gene ritornava a casa con la sua sposa Anne, spesso si rifugiava nella Turret Suite, dove la luce era ideale per dipingere. La sua costante compagna era la sua bambola e Anne ne era un po’ gelosa oltre che stranita. La bambola passava le sue giornate appoggiata alla finestra sud-ovest della Turret Suite.

Si narra che i bambini in età scolare che passavano davanti alla locanda di Key West alzavano lo sguardo e riferivano di aver visto la bambola Robert spostarsi da un lato all’altro della finestra. Altri visitatori della casa avrebbero descritto come l’espressione facciale della bambola cambiasse in base alla conversazione nella stanza. Sono state segnalate anche spostamenti di Robert da un lato all’altro della stanza con un echeggiare di risatine.

Annette si sentiva a disagio con la bambola Robert in casa e, sebbene non riuscisse a capirlo, voleva che Gene chiudesse la bambola in soffitta dove non avrebbe potuto fare del male. Gene inizialemente accontentò la moglie, ma ben presto, i visitatori della casa sentirono dei passi provenire dalla soffitta, i suoni di qualcuno che camminava avanti e indietro. Quando Gene lo sentì, andò immediatamente a indagare, ma la bambola non si trovava nella soffitta, bensì sulla sedia a dondolo in camera da letto, vicino alla finestra.

Robert rimase una costante nella vita di Gene per tutta la sua durata e prima di morire fece promettere ad Anne che la bambola Robert rimanesse nella casa. Ma Anne detestava quella bambola e, alla morte del marito, mise il pupazzo di pezza in una cassapanca di cedro che si trovava in soffitta, ben chiusa da fibbie resistenti. Annette morì nel 1976, due anni dopo il marito, e la casa contenente la bambola fu venduta a Myrtle Reuter, che la possedette per vent’anni.

Ingresso dell'East Martello Museum
Ingresso dell’East Martello Museum

La figlia di dieci anni fu felice di trovare Robert la bambola nella cassapanca, ma la sua gioia finì presto quando affermò che Robert era vivo e voleva farle del male. La leggenda racconta che la bambina si svegliasse spesso nel cuore della notte urlando di paura e raccontando ai suoi genitori che Robert era entrato nella sua camera da solo. Successivamente la proprietà fu acquistata dagli attuali proprietari che la gestiscono come un Bed & Breakfast. Solo in seguito la bambola fu donata alla Key West Art and Historical Society e, infine, oggi si trova all’East Martello Museum nella stessa zona, dove fu donata nel 1994 e divenne un’attrazione per i turisti.

Secondo il folclore locale, la bambola ha causato «incidenti stradali, ossa rotte, perdita di lavoro, divorzio e una cornucopia di altre disgrazie», e alcuni visitatori del museo raccontano di sperimentare «disgrazie post-visita», spesso per aver deriso la bambola nella teca. Ma Robert è davvero una bambola infestata o posseduta da uno spirito?

error: Content is protected !!