Specchio
/

Lo Specchio nel Folklore e Paranormale: Misteri, Leggende e Storie Inquietanti

85 minuti di lettura

Lo Specchio rappresenta uno degli elementi domestici più comuni che sono associati a sentimenti di terrore, inquietudine e disturbi psicologici. Tra gli oggetti che potrebbero sembrare minacciosi nelle nostre abitazioni, troviamo il letto, che forma uno spazio oscuro sotto di esso; il frigorifero, che di notte sembra emanare rumori strani; le bambole, in particolare quelle antiche; e ovviamente gli specchi. Se consideriamo gli ambienti domestici, potremmo includere anche cantine e soffitte, anche se questi sono più spazi che oggetti. Tuttavia, gli specchi si distinguono per il loro legame unico con antiche credenze e superstizioni, un aspetto che altri oggetti come i frigoriferi non possiedono. Infatti, non esiste un detto popolare che collega la rottura di un frigorifero a sette anni di sfortuna.

Lo specchio è stato ed è tuttora al centro di credenze popolari, superstizioni, miti e racconti dell’orrore. Cosa li rende così perturbanti? La sua storia potrebbe essere molto più antica di quanto si immagini, e il timore che suscita potrebbe essere più diffuso di quanto si creda comunemente.

La paura degli specchi

Il timore degli specchi è conosciuto con tre differenti terminologie, elencate senza un ordine specifico:

  • Catoptrofobia: derivante dal termine greco κάτοπτρο (catropto o katoptron), che si traduce in specchio.
  • Spettrofobia: originata dalla parola latina spectro, che significa spettro o fantasma.
  • Eisotrofobia: composta dalle parole greche eis, che significa dentro, e ὀπτῐκός (optikos), che si riferisce a vista o visivo.

Il suffisso -fobia proviene anch’esso dal greco antico: -φοβία (-phobía), da φόβος (phóbos), che significa paura. La presenza di questi termini, che risalgono a circa 2.300-2.800 anni fa, indica che la paura degli specchi è un fenomeno antico.

Avviso di Sensibilità: se provate timore verso gli specchi, potreste preferire di non proseguire nella lettura. Inoltre, se ritenete di poter sviluppare una paura intensa degli specchi, continuare a leggere potrebbe non essere consigliabile.

Lo Specchio nel folklore e nel paranormale

Nel folklore, lo specchio è visto come un varco o un passaggio che permette agli spiriti, compresi fantasmi e demoni, di entrare nel nostro mondo fisico. Si crede che in casi di infestazioni e presenze demoniache, gli specchi possono rappresentare un problema. Da tempi immemorabili, qualsiasi superficie riflettente è stata vista come un portale spirituale e può essere usata intenzionalmente per invocare gli spiriti nel nostro mondo. Gli specchi sono anche utilizzati per avere visioni del futuro.

Lewis Carroll nel 1863 (Pubblico dominio)
Lewis Carroll nel 1863

Lo specchio, grazie alle sue proprietà uniche, ha affascinato e stimolato la fantasia umana, diventando un elemento centrale nel folklore e nelle storie mitologiche di diverse culture. È frequentemente associato a concetti come il doppio, un universo parallelo o un mondo capovolto, la bellezza e la divinazione. Tra le molteplici citazioni, si distinguono particolarmente lo specchio incantato, quello di Alice creato da Lewis Carroll, pseudonimo di Charles Lutwidge Dodgson (1832-1898), la leggenda di Narciso e alcune illustrazioni della vanitas (un genere di natura morta che incorpora elementi simbolici per riflettere sulla transitorietà e sulla fragilità della vita).

Ci sono anche molte credenze legate agli specchi e alla morte. Quando una persona muore, tutti gli specchi della casa dovrebbero essere girati o coperti, perché se un defunto si vede in uno specchio, l’anima del morto non troverà pace o diventerà un vampiro. Anche i cadaveri che si vedono allo specchio porteranno sfortuna alla famiglia. Queste credenze risalgono ai tempi in cui i cadaveri venivano esposti nelle case e la gente credeva che le anime rimanessero vicino al corpo fino al funerale.

Un’altra credenza diffusa sostiene che se una persona vede il suo riflesso in una stanza dove qualcuno è morto, è un presagio di morte. Gli specchi, quindi, dovrebbero esserecoperti nelle stanze dei malati nella credenza popolare che l’anima sia indebolita e più vulnerabile alla possessione durante la malattia.

Quindi, lo specchio può rappresentare un significato sia negativo che positivo a seconda delle circostanze: in esso ci si smarrisce e ci si identifica, si rileva ciò che è effimero (la bellezza) e ciò che è immortale (l’essenza), si differenzia l’atipico dal comune.

Nel corso di questo articolo, ci addentreremo nel misterioso e affascinante mondo degli specchi, esplorando le numerose credenze e leggende folcloristiche che li circondano.

Le Origini dello Specchio

Uno specchio di ossidiana trovato nella zona nord (Foto: Jason Quinlan)
Uno specchio di ossidiana di 8000 anni fa (Foto: Jason Quinlan)

Gli specchi utilizzati dai primi uomini erano probabilmente specchi d’acqua, come nel mito di Narciso. I primi specchi “fabbricati” risalgono infatti al Neolitico, un periodo della Preistoria, l’ultimo dei tre che costituiscono l’Età della pietra, che va dall’8000 a.C. al 3500 a.C. circa. Erano realizzati in ossidiana lucida, un tipo di vetro vulcanico. Successivamente, specchi in rame apparvero in Egitto e Mesopotamia intorno al 4000-3000 a.C.; nell’antico Egitto, infatti, gli specchi erano strettamente associati con il culto della dea-madre Mut (anche Maut, Mout) e Hathor, la dea del cielo, della gioia, della danza e dell’amore.

Specchi precolombiani sono stati trovati nelle Americhe, fatti di materiali non metallici come antracite e cristallo di rocca. Greci e Romani produssero specchi, con i Romani che svilupparono la capacità di creare specchi in vetro. La Naturalis historia (Storia naturale, dal latino, propriamente “Osservazione della natura”, 77-78 d.C.) di Gaio Plinio Secondo, conosciuto come Plinio il Vecchio (23-79 d.C.), menziona specchi di vetro e specchi fatti con l’oro. Dopo il crollo dell’Impero Romano, la lavorazione del vetro di alta qualità scomparve per un po’. Il primo stabilimento di produzione di specchi di vetro noto fu aperto a Norimberga, in Germania, nel 1373.

I veneziani perfezionarono la fabbricazione di specchi di vetro, con il primo specchio noto prodotto a Murano nel 1364. Nel XV secolo, Angelo Barovier (1405-1460), discendente da una famosa dinastia di vetrai ancora operativa nell’isola di Murano, a Venezia, sviluppò un vetro chiamato cristallino, un vetro trasparente simile al cristallo di rocca; era estremamente puro e rappresentò una svolta significativa nella storia della lavorazione del vetro. Nel 1540, il veneziano Vincenzo Redor (o Rador), inventò un processo per livellare e lucidare le lastre di vetro, creando superfici specchiate perfettamente piatte. Questa innovazione ha segnato un importante passo avanti nella produzione di specchi e i progressi si diffusero in tutta Europa entro il 1700.

Gli Specchi nella Tradizione dei Fantasmi

Da tempi immemorabili, dalla preistoria egizia alla dinastia Shang in Cina, dai santuari degli oracoli aztechi alle torri di pietra degli alchimisti del Medioevo, la tradizione degli specchi è stata tramandata. Questa tradizione è stata sussurrata, incisa in antichi libri di magia, perpetuata attraverso le credenze popolari di generazione in generazione e intrecciata nel tessuto di fiabe e miti di tutto il mondo. Nel corso dei secoli, gli specchi sono stati considerati come portali per altri universi; ci hanno offerto protezione dal male; ci hanno rivelato il futuro e la verità; e hanno riflettuto allo spettatore un’immagine profonda dell’anima umana. Ma qual’è la correlazione tra specchi e fantasmi?

Sembra che esista un legame spirituale tra specchi e apparizioni, una convinzione che ha le sue radici nel Medioevo. Ho avuto l’opportunità di leggere il libro Dreaming in the Middle Ages (1992) di Steven F. Kruger, professore presso il Queens College e l’Università della Città di New York, in cui descrive come, nel Medioevo, lo specchio fosse percepito come un elemento che coinvolgeva forze superiori e inferiori, capace di raggiungere “il sopra” e “il sotto”, l’interno e l’esterno di sé. In particolare in Europa, in quel periodo, lo specchio era da un lato simbolo di introspezione e di acquisizione della consapevolezza di sé, dall’altro un oggetto negativo associato al lusso e al narcisismo, considerato una fonte di vanità. Tuttavia, indipendentemente dalle sue caratteristiche effettive, lo specchio è da sempre considerato un oggetto dotato di proprietà magiche e una possibile via di accesso a mondi paralleli o all’Oltretomba.

Lo specchio dell’illusione e la trappola della vanità

L’acqua, come lo specchio, ha la capacità di riflettere, e questa caratteristica è al centro di molte tradizioni legate agli specchi. Si riteneva che l’anima fosse irresistibilmente attratta dall’acqua, manifestandosi in qualsiasi specchio d’acqua disponibile. In Macedonia, ad esempio, si usava lasciare un recipiente pieno d’acqua in una tomba vuota dopo l’esumazione, con l’intento di intrappolare l’anima e impedirle di seguire le ossa trasferite in chiesa per riutilizzare la tomba. Questa pratica è comune anche nei cimiteri bulgari.

Gli antichi Greci temevano gli spiriti dell’acqua che si nascondevano in pozze, laghi e ruscelli riflettenti, credendo che potessero trascinare sott’acqua l’anima riflessa dell’ignaro, causando la morte del corpo privo di anima. Questi spiriti dell’acqua evocano l’immagine della sirena con il suo pettine e lo specchio – simboli di crudeltà e vanità – che attira i suoi amanti nelle città sommerse sotto il mare, annegandoli nel processo.

Narcissus (1598) dipinto da Caravaggio (1571-1610) - Pubblico dominio
Narcissus (1598) dipinto da Caravaggio (1571-1610)

La paura degli spiriti maligni dell’acqua dei Greci potrebbe aver gettato le basi per il mito di Narciso. Questo affascinante giovane, durante una battuta di caccia in montagna, attirò l’attenzione delle ninfe, che si innamorarono perdutamente di lui. Tuttavia, Narciso respinse tutte le loro avances. Una delle ninfe respinte pregò che Narciso potesse un giorno sperimentare il dolore del rifiuto. Gli dèi esaudirono il suo desiderio.

Un giorno, esausto e assetato dalla caccia, Narciso trovò una fontana di acqua pura e limpida nel bosco e si chinò per bere. Vide un’immagine di straordinaria bellezza riflessa nell’acqua, pensò fosse lo spirito dell’acqua che abitava la fontana, e se ne innamorò. Cercò di conquistare l’amore della sua immagine riflessa nell’acqua, ma senza successo. Alla fine, il rifiuto lo consumò, si lasciò andare e morì. Il suo corpo non fu mai ritrovato, al suo posto crebbe un bellissimo fiore viola che ora porta il suo nome. Si dice che quando la sua anima attraversò il fiume Stige, si sporse dal bordo della barca per dare un’ultima occhiata al suo amore riflesso nell’acqua.

Miti, superstizioni e folklore dello specchio

Nei paragrafi successivi esplorerò i miti, le superstizioni e il folklore che circondano lo specchio, quest’oggetto che, nonostante la sua semplicità, ha suscitato un’ampia gamma di interpretazioni e credenze.

Dalla credenza che uno specchio rotto porti sette anni di sfortuna, alla pratica di coprire gli specchi in una casa in lutto, esamineremo come queste storie e tradizioni si sono sviluppate e perché continuano a persistere nel tempo. Esploreremo anche il ruolo dello specchio nelle varie forme d’arte e letteratura, e come esso è stato utilizzato come simbolo di verità, vanità, e dualità.

Lo Specchio rotto: sette anni di sfortuna

La superstizione sugli specchi, che è profondamente radicata in molte culture, ha origine dalla credenza che l’anima possa proiettarsi fuori dal corpo e manifestarsi negli specchi come riflesso. Questa convinzione ha dato vita a una delle superstizioni più diffuse: quella che rompere uno specchio porti sette anni di sfortuna.

Specchio rotto

La superstizione legata allo specchio rotto ha radici profonde nell’antica Roma, derivando da due credenze principali. Innanzitutto, rompere uno specchio era considerato di cattivo auspicio, probabilmente a causa della difficoltà nel produrli. Inoltre, i Romani credevano che la vita si rinnovasse ogni sette anni, perciò qualsiasi danno subito sarebbe stato riparato in quel lasso di tempo.

Quindi si pensava che rompere uno specchio avesse l’effetto di frantumare l’anima di chi lo aveva rotto. L’anima, sentendosi ferita e offesa, avrebbe quindi richiesto sette anni di sfortuna come riparazione per tale negligenza. Pertanto, rompere uno specchio era come rompere la propria salute, che non sarebbe stata restaurata per sette anni.

Tuttavia, esistevano metodi per evitare questa sfortuna. Ad esempio, si poteva ridurre in polvere i frammenti dello specchio in modo che non riflettessero più immagini spezzate. Un altro metodo, adottato dai primi schiavi americani, era quello di immergere i pezzi di specchio rotti in un corso d’acqua che scorreva verso sud, credendo che la sfortuna sarebbe stata spazzata via in sette ore.

In alcune culture, la rottura di uno specchio era vista come un presagio di una morte in famiglia entro l’anno. Questa associazione tra specchi e morte è comune nel folklore e deriva dalla convinzione che l’anima possa rimanere intrappolata nello specchio, causando la morte. Per questo motivo, spesso ai bambini non era permesso guardarsi allo specchio fino all’età di almeno un anno. 

Circa 8.000 anni fa, in Anatolia (nell’attuale Turchia centro-meridionale), si credeva che il riflesso in uno specchio di ossidiana nera rappresentasse l’anima della persona. Danneggiare uno specchio significava ferire l’anima. Oltre a queste credenze, ci sono molte altre superstizioni e leggende associate agli specchi rotti. In diverse culture, si pensa che gli specchi possiedano proprietà mistiche e possano fungere da portali per il mondo soprannaturale. Si narra di persone che, guardando uno specchio rotto in certe condizioni o luoghi, abbiano visto apparizioni spettrali o udito voci dall’aldilà.

1 23 ... 5»»
error: Content is protected !!